Nel 2019 un consumatore su tre ha acquistato un prodotto contraffatto

26 Novembre 2019, di Alessandra Caparello

Nel 2019 in Italia quasi un consumatore su tre (30,5%) ha acquistato un prodotto contraffatto o usufruito di un servizio illegale (+3,7 % rispetto al 2016 e +4,9%  in confronto al 2013).
Così emerge dall’indagine realizzata da Confcommercio su illegalità, contraffazione e abusivismo, presentati nell’ambito della Giornata “Legalità ci piace” da cui si evidenzia come in Italia la contraffazione è in continua crescita.

In aumento l’acquisto illegale: al top abbigliamento

E’ in aumento rispetto al passato soprattutto l’acquisto illegale di abbigliamento (+9,4% sul 2016), prodotti farmaceutici (+2,8), prodotti di intrattenimento (+1,5), pelletteria (+0,4) e giocattoli (+0,3). In crescita l’utilizzo del web, in prevalenza per  giocattoli (+12,1%), prodotti di pelletteria (+10,5) e capi di abbigliamento (+9%).
E’ per lo stesso web, d’altronde, che passa gran parte dell’intrattenimento (89% della musica, film, abbonamenti tv, eccetera) e quasi la metà (47,9%) dei servizi turistici (alloggio, ristorazione, trasporti) illegali.
Ma perché gli italiani acquistano  prodotti o servizi illegali? In primis per motivi di natura economica (82%) ma poi perché, e questo è il dato più preoccupante, è ritenuto “normale” (73%), una tendenza diffusa in prevalenza tra i giovani tra i 18 e i 24 anni.

L’indagine della Confcommercio poi delinea l’identikit del consumatore “illegale”: ha più di 25 anni, risiede principalmente al Sud (per il 43,7%), ha un livello d’istruzione medio-basso (per il  77,2%), ed è soprattutto impiegato, pensionato o operaio (per il 69,7%).

Illegalità costa alle imprese oltre 30 miliardi di euro

Ma la contraffazione ha un costo per quanto riguarda le imprese del commercio e dei servizi. Il 66,7% di queste si ritiene danneggiato (era il 65,1% nel 2016), ma soprattutto il costo dell’illegalità si eleva a oltre 30 miliardi di euro, mettendo peraltro a rischio circa 200mila posti di lavoro.

Passando alle le imprese del terziario di mercato, l’indagine evidenzia che i fenomeni criminali percepiti più in aumento sono contraffazione (34,8%), abusivismo (34%), furti (29%) e rapine (25%). La concorrenza sleale (60,8%) e la riduzione del fatturato (37,8%) sono invece gli effetti ritenuti più dannosi.