Motori a combustione ibridi o elettrici? Quale auto compro? Su chi investo?

10 Agosto 2021, di Leopoldo Gasbarro

Motori a combustione ibridi o elettrici? Quale auto compro? Su chi investo?

Ne parlavo qualche giorno fa con il concessionario mentre i meccanici in camice bianco completavano il tagliando alla mia auto. Ibrido, diesel o puro elettrico, cosa comperereste oggi? Il consiglio? Essendo in una fase di forte transizione fare una scelta univoca potrebbe essere rischioso, ci si potrebbe ritrovare tra due o tre anni con un auto che nessuno vorrebbe più indietro. Ed allora? No alla proprietà, sì ai contratti a noleggio o in sharing e negli investimenti massima diversificazione.
Vediamo perché…

Nei prossimi 10 anni, l’industria automobilistica globale dovrebbe dar vita ad uno dei cambiamenti più significativi della sua storia – la sostituzione dei veicoli che montano un motore a combustione interna (ICE) con veicoli elettrici (EV).
I veicoli elettrici stanno registrando una forte crescita su base annua: il 28% in Corea del Sud e il 76% in Cina, oltre il 40% negli USA e addirittura al di sopra del 100% in alcuni mercati europei.

La crescita dei veicoli elettrici, in particolare dei veicoli elettrici a batteria, porterà probabilmente a cambiamenti sostanziali nella catena del valore automobilistico e presenterà sfide significative per gli operatori automobilistici esistenti e i loro margini. Molti operatori storici del settore automobilistico dovranno affrontare un calo dei ricavi nelle aree principali. D’altra parte, ci aspettiamo che i fornitori con una gamma diversificata di offerte di prodotti e base di clienti e quelli che si concentrano sui componenti indispensabili per i veicoli elettrici (come batterie e motori di trazione) siano più resistenti di alcuni dei produttori di apparecchiature originali.

 

E’ immaginabile che il passaggio verso l’elettrico stimolerà tre principali tendenze dirompenti:

Aumento del potere contrattuale per i fornitori. Si stima che il numero di componenti necessari per i motori elettrici sia del 30%-40% inferiore rispetto a quelli a combustione e il processo di fabbricazione tende a essere più snello con un minor numero di fornitori coinvolti. Di conseguenza, la catena di approvvigionamento diventerà probabilmente meno articolata e i fornitori vincenti dovrebbero avere più potere contrattuale.
Margini inferiori sia per i produttori tradizionali che per i nuovi player focalizzati sui veicoli elettrici. I prezzi delle batterie e dei motori di trazione continueranno probabilmente ad aumentare i costi di produzione dei veicoli elettrici a breve termine.
Ulteriore consolidamento del settore. Ad esempio, le case automobilistiche coreane e alcuni produttori tradizionali cinesi stanno iniziando a concentrarsi sugli elettrici puri. Inoltre, prevediamo che nuovi produttori di veicoli elettrici puri entrino nel mercato.

La transizione ai motori elettrici varierà tra i mercati

Prevediamo che i tassi di crescita per il settore dei veicoli elettrici divergeranno tra i mercati, guidati da normative, sussidi governativi, infrastrutture, mix di combustibili energetici, vantaggi locali e preferenze dei clienti. In paesi come il Giappone, dove le auto sono più comunemente utilizzate per viaggi più brevi, i veicoli elettrici ibridi (HEV) si comportano bene come veicoli ad alta efficienza energetica e potrebbero essere preferiti dai consumatori. In effetti, gli HEV potrebbero essere l’opzione più ecologica nei paesi in cui il mix di combustibili impiegato nelle aziende elettriche è ancora fortemente orientato verso fonti non rinnovabili nel periodo di transizione.

Un altro fattore che influenzerà la transizione e l’adozione dei veicoli elettrici è la politica dei governi. Alcuni governi hanno fornito incentivi per scoraggiare i vecchi motori a combustione. Il governo sudcoreano si è impegnato a sostenere le case automobilistiche locali (e il loro ecosistema) per essere i primi a muoversi nel campo delle auto eco compatibili. Di conseguenza, i veicoli elettrici potrebbero guadagnare quote di mercato più rapidamente.
La Cina, d’altra parte, sta fornendo forti incentivi politici per i veicoli elettrici, mentre l’attuale capacità dei produttori automobilistici è più orientata verso gli ibridi, guidata dalle preferenze dei consumatori. L’amministrazione Biden sta promuovendo i veicoli elettrici negli Stati Uniti e ci sono diverse proposte al Congresso, incluso il ripristino del credito d’imposta sui veicoli elettrici. In Europa, normative più severe – una CO 2 . più aggressiva l’obiettivo di emissione e l’inasprimento dei controlli sulle emissioni di particolato, ossido di azoto e monossido di carbonio – continueranno a fornire un vento favorevole per l’industria dei veicoli elettrici.

Identificare le opportunità a breve e lungo termine

Per i prossimi 5-10 anni le aziende automobilistiche saranno probabilmente costrette a combattere il vento contrario di un mercato tradizionale in contrazione, compensato dal rapido aumento della domanda di veicoli elettrici.
Come con altre gravi interruzioni del settore, questo periodo di cambiamento porterà a vincitori e vinti poiché i vantaggi competitivi costruiti attorno al tradizionale svaniranno mentre i nuovi entranti si stabiliranno e acquisiranno quote di mercato

Sebbene prevediamo che questa tendenza secolare porti a una pressione sui margini per i competitors tradizionali, continuerà anche a creare opportunità di investimento a breve termine. Nel 2021, la pressione secolare sui margini dei produttori tradizionali dai veicoli elettrici è stata compensata da fattori concorrenti come la domanda repressa e le distorsioni della catena di approvvigionamento causate dai blocchi legati alla pandemia. Ciò ha già determinato un rapido recupero dei margini, che prevediamo continuerà per il resto dell’anno e fino al 2022.

Nel medio e lungo termine, dati i timori sulle prestazioni dei veicoli elettrici (come la durata della batteria, l’esperienza di guida e la costruzione della piattaforma), la crescita sarà guidata da fattori quali incentivi, regolamenti, sussidi, vantaggi locali e preferenze dei clienti.
I probabili vincitori includeranno i fornitori di auto con un focus sui componenti specifici per veicoli elettrici che hanno costruito scala in aree chiave e un maggiore potere contrattuale; produttori tradizionali che hanno successo nella transizione e nel bilanciamento tra ICE e veicoli di nuova energia (compresi i veicoli elettrici); e nuovi operatori in grado di crescere rapidamente. Gli investitori dovranno prestare attenzione a questi fattori per identificare vincitori e perdenti emergenti e riposizionare attivamente i propri portafogli per sfruttare queste opportunità.