MILANO NEGATIVA: MIBTEL -0,78%, MIB30 -1,22%

7 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Dopo una giornata all’insegna del rialzo, in chiusura gli indici di Piazza affari hanno segnato un netto ribasso. Il Mibtel ha perso lo 0,78% resistendo sopra la quota psicologica dei 30 mila punti a 30.065.

Il Mib30 che era sceso anche sotto l’uno e mezzo per cento, termina la seduta a -1,22% a quota 44.496.

L’inversione di tendenza è arrivata a due ore dalla chiusura, condizionata probabilmente dall’apertura negativa di WallStreet.

Dopo una partenza spumeggiante, hanno retto l’onda ribassista solo i titoli Espresso +4,73%, Pirelli +5,83%, Seat Pagine Gialle +6,72%, Olivetti +1,99% dopo aver superato nel durante i 4 punti percentuali di guadagno.

Eni chiude con u guadagno del 4,73%.

Finmatica chiude con un balzo che la porta a +12,31%.

Aem guadagna il +2,59%. Anche Finmeccanica si attesta a +2,52%. Hdp guadagna il 2,69%.

Il titolo della Banca Nazionale del Lavoro chiude positiva a +1,50%.

Per quanto riguarda gli altri titoli del Gruppo Colaninno, Telecom perde il 4,62%, Tim -2,93%, Tecnost -2,89%.

Tra le utilities Edison in forte ribasso a -4,38% dopo i forti guadagni della settimana scorsa. Anche Enel si ferma a -0,81%.

Per Mediaset le prese di beneficio la portano in chiusura a -2,68%.

Anche Fiat apre la settimana in negativo e perde l’1,51%. Perdono anche Fiat privilegiate e risparmio.

Nel Nuovo Mercato ancora una volta ha brillato il titolo Tiscali stoppata per eccesso di rialzo alle 15,55. Le azioni dell’azienda sarda hanno chiuso con un + 29,25% a 640,93 euro, segnando un nuovo record. E ora è molto probabile lo split dell’azione.

In rilievo il titolo farmaceutico Sorin Biomedica che guadagna +9,79% nella seduta odierna.