Mercati: i dieci cigni grigi del 2015

24 Dicembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Li chiamano cigni neri. Si tratta di eventi molto rari, che sfuggono alle previsioni, ma che hanno un impatto devastante sui mercati.

Il sito di finanza MarketWatch ne ha raccolti 10, assegnando loro una tonalità più chiara, il grigio. Si tratta infatti di eventi non così imprevedibili, ma comunque in grado di dare una scossa molto forte ai mercati per nel 2015:

1 – Errori della Fed
A dispetto delle rassicurazione del numero uno della Fed, Janet Yellen, che ha rassicurato su un graduale ma costante aumento dei tassi, potrebbe verificarsi un aumento anticipato o troppo veloce che da far deragliare la ripresa. All’altro estremo, la Fed potrebbe rivelarsi troppo paziente, e poi dovere alzare i tassi aggressivamente per controllare l’inflazione.

2 – Rialzo dei prezzi del petrolio
A dispetto del pessimismo diffuso sulle quotazioni del petrolio, Gordon Gray, analista di Hsbc, non esclude che si potrebbe verificare una situazione opposta a quella attuale. Ovvero un incremento dei prezzi del greggio per via di un disequilibrio tra produzione e domanda. Le riserva globali “sono ancora molto limitate in termini storici ed prevalentemente concentrate in Arabia Saudita”, ha detto l’analista in una nota, evidenziando come eventi politici imprevisti potrebbero alimentare tendenza inversa, causando una ripresa dei prezzi.

3 – Europa
La minaccia maggiore in Europa viene, ancora una volta, dalla Grecia. Le elezioni anticipate in gennaio rimangono una possibilità con i sondaggi che mostrano il partito ‘anti-austerity Syriza che, andando al potere, potrebbe stracciare gli accordi di salvataggio.

4 – Cyber attacchi
Dopo quelli della Sony da parte della Corea del Nord, gli analisti mettono in guardia da una possibile nuova ondata di attacchi rivolti ad aziende e sistemi di pagamenti.

Ma non finisce qui. Il sito americano di finanza edito da Rupert Murdoch non esclude che la stabilità mondiale sia messa in crisi da:

5 – Rischi di liquidità

6 – Crisi delle valute dei paesi emergenti, dopo il rialzo dei tassi da parte della Fed

7 – La guerra in Ucraina

8 – Nuovo pericolo Ebola

9 – Possibili attacchi terroristici

10- L’aprirsi di una nuova crisi nelle relazioni tra Cina e il Giappone per il controllo di alcune isole contese

Fonte: MarketWatch

(mt-DaC)