M&A: una delle peggiori giornate di sempre a Wall Street

6 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – A Wall Street è stata decisamente una giornata da dimenticare per le operazioni di fusione e acquisizione.

Il colosso media di Rupert Murdoch, News Co, si è ritirato dalla corsa per l’acquisto della concorrente Time Warner.

Il magnate dei media, ormai 83enne, voleva creare un nuovo gigante della televisione. Ma Murdoch alla fine ha preferito ritirare l’offerta da 80 miliardi di dollari citando il rifiuto del gruppo a esaminare la sua proposta.

In ambito di teleconomunicazioni, Sprint alla fine getta la spugna e non comprerà la rivale T-Mobile. Si sarebbe trattata della fusione tra il numero tre e il numero quattro delle tlc negli Stati Uniti.

Lo hanno riferito diverse fonti ai medie americani. Un riavvicinamento più a lungo termine non è tuttavia da escludere.

Da parte sua la catene di farmacie Walgreens non sposterà la sua sede. In compenso dovrebbe rilevare le attività di Alliance Boots per un affare del valore di 5 miliardi di sterline. Il takevoer non verrà però usato come occasione per cambiare domicilio.

In totale più di 100 miliardi di dollari sono stati tolti dal tavolo delle trattative nel giro di poche ore.