Lo scandalo Swissleaks mette in imbarazzo i Clinton

10 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Gli effetti di Swissleaks arrivano a mettere in imbarazzo anche la famiglia Clinton. Secondo quanto riporta il quotidiano inglese Guardian, la fondazione di volontariato che fa riferimento alla famiglia dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton avrebbe ricevuto 81 milioni di dollari (circa 71 milioni di euro) in donazioni da ricchi magnati che avevano conti in Svizzera e i cui dettagli sono emersi nello scandalo Hsbc.

Il Guardian sottolinea che queste rivelazioni potrebbero danneggiare la possibile candidatura di Hillary Clinton alla Casa Bianca: l’ex segretario di Stato ha fatto della lotta alla diseguaglianza uno dei punti principali del suo programma politico. Ciò ovviamente andrebbe in netto contrasto con queste amicizie di famiglia.

Secondo quanto riporta il Guardian, tra i ricchi sponsor della fondazione Clinton ci sarebbero Frank Giustra, tycoon canadese del settore minerario, l’imprenditore britannico Richard Caring, oltre all’ex pilota di Formula 1, Michael Schumacher.

In particolare, dai dettagli che emergono, Caring sarebbe al centro di un episodio che risale al 2005 e che ha riguardato l’ex presidente americano.

Si tratta in pratica della sua partecipazione a una festa organizzata dall’imprenditore a San Pietroburgo, durante la quale l’ex inquilino della Casa Bianca si era travestito da generale russo del 18esimo secolo, ricevendo “in compenso” una donazione da un milione di dollari alla fondazione.

Tra i benefattori della fondazione Clinton con conti alla Hsbc spunta inoltre Jeffrey Epstein, il finanziere condannato per pedofilia. (mt)