Lavoratori potranno ignorare email di lavoro fuori dall’ufficio

18 Febbraio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – La notizia era stata anticipata mesi fa dalla stampa, ma ora i tempi sono vicini. A marzo, il governo francese proporra’ una nuova legge in base alla quale i lavoratori avranno il diritto di disconnettersi da email e smartphone quando sono fuori dal posto di lavoro.

Tra i tanti temi che il governo francese sta affrontando nella concertazione con sindacati e imprese per la riforma del codice del Lavoro c’è dunque anche l’idea di regolamentare meglio l’attività su piattaforme digitali, tablet e smartphone. La consultazione di email e sms fa talmente parte della normale giornata che non viene infatti contabilizzata nell’orario di lavoro.

Su questo fronte i sindacati francesi hanno fatto pressione per lungo tempo affinche’ venisse creata una legge per “disconnettere” il lavoratore con la motivazione principale che le tecnologie digitali hanno creato una “esplosione” dei lavoratori sommersi che sta costringendo i dipendenti a lavorare ben oltre 35 ore a settimana.

La spinta arriva dai sindacati ma miete consensi anche tra le grandi multinazionali, con lendorcement di Bruno Mettling, direttore delle risorse umane del colosso di telecomunicazioni Orange, secondo il quale esiste un rischio di sovraccarico cognitivo ed emozionale. Il rischio, insomma, è che lo stress da iperconnessione danneggi il lavoratore rendendolo meno produttivo anche in orario di ufficio.

Se la proposta venisse approvata, diventerebbe legge nel luglio 2017. Ovviamente questo potrebbe essere un passaggio storico per il lavoro all’epoca di Internet. E quella francese potrebbe essere solo la prima pietra.

D’altro canto alcune società in Europa stanno già mettendo in atto tali regole: e’ il caso della Volkswagen, che interrompe le comunicazioni digitali coi suoi lavoratori dalle 18.15 di sera alle 7 del mattino.