La ‘Top 5’ di Luca Ciarrocca

2 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – In questa rubrica periodica Luca Ciarrocca, fondatore di WSI, fa il punto su una serie di fatti e avvenimenti di attualita’ con ricadute sui mercati, in economia e in politica. E’ un breve memo, spunti veloci, NON nella forma dell’editoriale. Seguitelo su https://twitter.com/lucaciarrocca.

1] Presidente Mattarella, l’Europa non funziona

– Sergio Mattarella e Matteo Renzi, due democristiani, uno vecchio e uno giovane, al vertice del potere in Italia. Parrebbe un film gia’ visto per noi della generazione di mezzo, ma diciamolo: l’elezione al Quirinale poteva andare molto peggio. Immaginate se presidente ora fosse Amato o Finocchiaro. Cio’ detto, e’ ovvio che Mattarella naviga nella scia di Napolitano, per cui nulla di nuovo sul fronte nord: sara’ succube di Europa, Troika, Merkel, poteri forti e banksters. Se parla poco (un plus in tempi di arruffa-popolo da tv) certo non parlera’ mai contro l’Unione Europea, finzione tenuta in piedi da una moneta senza Stato e da una banca centrale. Il nuovo presidente e’ un cattolico laico stile De Gasperi, non un baciapile. Ha esordito dicendo: “Il mio pensiero va alle difficolta’ e alle speranze degli italiani”. Giusto. Ma poi a pensieri e parole devono seguire i fatti. Dignitoso e serio, vedremo come (non se) la carica lo trasformera’. Mattarella sul Colle e’ il capolavoro di un premier, appena 40enne, che continuera’ a incassare successi, viste le premesse. Senza essere per forza renziani non si sbaglia affermando che il capitale politico di Matteo e’ fuori della norma, per un paese mediterraneo ingovernabile come l’Italia. Per ora ha ricompattato il PD (anche i nani della sinistra); ha pensionato speriamo per sempre Berlusconi spaccando i due partiti di centro (FI e NCD); e a destra c’e’ rimasto solo Salvini a raccattar voti dalla pancia, senza memoria, della nazione. Ovviamente, qualcuno cerchera’ di far le scarpe al giovane ambizioso ex sindaco di Firenze: suscita ampi e forti rancori che sia saldo al comando; e non e’ stato nemmeno eletto al Parlamento. Senza contare che il Quirinale non e’ la Casa Bianca, eleggono il presidente non decine di milioni di cittadini ma un’oligarchia di 1000 persone. Con cio’ che ne consegue.

2] America in ripresa, ma l’americano medio e’ a rischio

– L’economia degli Stati Uniti cresce in apparenza piu’ delle altre nell’occidente, ma la famiglia media statunitense continua a soffrire. Gli americani non hanno mai recuperato la sicurezza finanziaria che precedette la Grande Recessione del 2008. Circa la meta’ delle famiglie Usa (47%) sono ancora “strozzate” in termini di reddito, secondo un’analisi del Pew Charitable Trusts. In pratica le spese familiari sono piu’ grandi o uguali alle entrate. Quindi non ci sono soldi per nient’altro che per pagare le bollette (come in Italia, del resto). Circa il 70% poi, lotta con almeno uno dei tre problemi di bilancio – basso reddito, risparmio insufficiente o debito eccessivo – e cio’ equivale a vulnerabilita’ e/o alta probabilita’ di soccombere in caso di emergenza o nuove crisi finanziarie. Insomma, la superpotenza e’ fragile e la sua economia poggia su un’intrinseca insicurezza che non garantisce il miglioramento degli stili di vita. A parte il solito 1% di grandi miliardari che possiede la meta’ della ricchezza totale.

3] Cellulari vintage per terroristi e narcotraficantes

[ARTICLEIMAGE] – Trafficanti di droga, terroristi e altri most wanted non vogliono, ne’ usano, l’ultimo iPhone o i vari smartphone Android. Invece, come riporta un sito specializzato, le conversazioni di chi per non essere arrestato cerca di tutelare la propria privacy, avvengono con un vecchio Nokia 8210, che tutti conosciamo perche’ era lo standard tanti anni fa. Per quale motivo? Semplice: sono cellulari difficili da intercettare, si usano solo per parlare e non vengono localizzati dal gps. Dopo aver letto questa news, cominceranno a usarlo anche i tanti parlamentari italiani contrari alle intercettazioni dei pm. Quelli (tanti) che tramano e fanno affari loschi, stile Mafia Capitale.

4] Il body language di James Bond

– Parlando di spie e di controllo della sicurezza nazionale, in America lo studio del linguaggio del corpo (body language) e’ adesso materia per scoprire terroristi ed eventuali rischi di guerre. “The Economist” ha scoperto che un certo think tank segreto del Pentagono ogni anno spende circa $300.000 dollari per analizzare quali politici e stranieri tramano per bombardare i paesi confinanti, setacciando video e clip tv; e il governo Usa dal 2007 ha speso quasi $1 miliardo per studiare il body language dei passeggeri negli aeroporti. In effetti, ognuno di noi sa da tanti piccoli segni quando la persona che ci sta davanti mente o e’ sincera. Immaginiamoci se sta per farsi saltare in aria in nome di Allah.

5] Musk, SpaceX, Google e il futuro in anticipo

– Abbiamo gia’ parlato di Elon Musk, uno degli imprenditori piu’ geniali e coraggiosi del secolo, fondatore dell’auto elettrica Tesla e di SpaceX. La notizia che nessuno in Italia ancora ha dato e’ che Google si prepara ad investire in SpaceX rilevando un discreto pacchetto azionario (segreta la percentuale) ad una valutazione pari a $10 miliardi. Obiettivo di Page e Brin, i fondatori di Mountain View: sviluppare un progetto che permetta di fornire connettivita’ internet in zone sprovviste di copertura. Compreso il cosmo. Intendiamoci, questa notizia forse interessera’ poche persone. Ma fate mente locale: il futuro non riguarda tutti? I privilegiati che sanno trarne vantaggio, sono comunque sempre pochi.