La star del trading da 6.200% di ritorni ha un consiglio per il 2016

27 Gennaio 2016, di Alberto Battaglia

Un ritorno del 6200% l’anno scorso lo ha reso una star dei mercati del Dragone. Ex dipendente di una compagnia di stato cinese, Huang Weimin e il suo fondo, lo Yourong (che gestisce 15,2 milioni di dollari), hanno scalato la vetta dei migliori performer del Paese del 2015. E se uno così consiglia di vendere le azioni prima che sia troppo tardi, meglio ascoltare con attenzione. Secondo Huang, che opera prevalentemente su future legati all’indice azionario, lo Shanghai Composite Index potrebbe cedere un ulteriore 15% nella prima metà dell’anno, visto che il rallentamento dell’economia cinese unito all’indebolimento dello yuan metteranno il turbo a ulteriori deflussi di capitali.
Motivo per il quale il consiglio di Huang per l’investitore comune è quello di vendere e stare alla finestra in attesa di tempi migliori, mentre il suo fondo prosegue con la strategia dei future che scommettono su ulteriori perdite del mercato.
L’anno scorso i super ritorni dello Yourong Fund sono stati il risultato di una strategia rialzista su azioni e futures sugli indici azionari per la gran parte della prima metà dell’anno, nel momento in cui lo Shanghai Composite raggiungeva i massimi degli ultimi sette anni; dopodiché Huang ha invertito completamente la rotta a maggio, scommettendo contro il mercato a partire dalla seconda metà di giugno, quando le azioni hanno iniziato a perdere terreno.
“E’ come surfare, devi danzare sulla cresta delle onde” dichiara un compiaciuto Huang a Bloomberg. Ovviamente il forte leverage dei contratti future è stato complice dell’amplificazione enorme dei ritorni conseguiti dal fondo. L’acquisto di tale contratto richiede un deposito iniziale che è solo una frazione del valore degli asset sottostanti, amplificando così l’esposizione ai rischi (e ai guadagni potenziali).
Cosa farà Huang nel 2016? “Come le formiche che spolpano un osso” seguirà il mercato e farà poche operazioni quando crolla. E avrà aspettative più modeste: “Se ottengo un ritorno del 5,6% per ogni operazione e un 50-60% a fine anno sarò contento”.

Fonte: Bloomberg