La crisi del gas si intensifica, chiuso il Nord Stream 1. Cosa sta succedendo

6 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Nord Stream 1, il più grande gasdotto russo verso l’Europa, non riprenderà a pompare gas fino a quando Siemens Energy non riparerà apparecchiature difettose, ha detto il vicedirettore generale di Gazprom Vitaly Markelov.

L’Europa sta affrontando la peggiore crisi di approvvigionamento di gas di sempre, con i prezzi dell’energia in aumento e gli importatori tedeschi discutono persino di un possibile razionamento del gas dopo che la Russia ha ridotto i flussi verso ovest.

Gazprom venerdì ha affermato che il gasdotto Nord Stream 1, la principale rotta di approvvigionamento in Europa, sarebbe rimasto chiuso poiché una turbina di una stazione di compressione aveva avuto una perdita di olio motore, facendo salire alle stelle i prezzi del gas all’ingrosso.

Quando gli è stato chiesto quando il Nord Stream 1 avrebbe ricominciato a pompare gas, Markelov ha riferito a Reuters a margine dell’Eastern Economic Forum nel porto di Vladivostok nel Pacifico russo: “Dovreste chiedere a Siemens. Devono prima riparare le apparecchiature”.

Siemens Energy ha affermato di non essere attualmente incaricata da Gazprom di eseguire lavori di manutenzione sulla turbina con la sospetta perdita di olio motore, ma di essere in standby. Ha aggiunto poi che una perdita di olio motore dall’ultima turbina rimasta in funzione presso la stazione di compressione di Portovaya non costituiva un motivo per mantenere chiuso il gasdotto. Siemens Energy ha affermato in una nota:

“Non possiamo comprendere questa nuova rappresentazione sulla base delle informazioni forniteci durante il fine settimana. La nostra valutazione è che il risultato comunicatoci non rappresenta un motivo tecnico per interrompere il funzionamento. Tali perdite normalmente non influiscono sul funzionamento di una turbina e possono essere sigillate in loco”.

Siamo alla guerra del gas

Il Cremlino imputa la crisi energetica alle sanzioni imposte alla Russia dall’Occidente. I leader europei affermano che Mosca sta usando l’energia per ricattare l’Ue.

Il Nord Stream 1, che scorre sotto il Mar Baltico fino alla Germania, è di gran lunga il più grande gasdotto russo verso l’Europa, trasportando fino a 59,2 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Un tempo considerato un simbolo della cooperazione tra una delle più grandi potenze energetiche mondiali e la quarta economia mondiale, il gasdotto è ora diventato il pomo della discordia tra Berlino e Mosca.

La Germania, il più grande acquirente europeo di energia russa, afferma che la Russia non è più un fornitore affidabile. I politici dell’Ue affermano che Putin sta usando il suo potere come capo di una delle più grandi potenze energetiche mondiali per alimentare la discordia in Europa sul conflitto in Ucraina.

La Germania respinge le spiegazioni di Gazprom sui problemi delle turbine come pretesto.

Il Cremlino afferma che l’Occidente ha innescato la crisi energetica imponendo le sanzioni più severe della storia moderna, un passo che secondo Putin è simile a una dichiarazione di guerra economica.

Il Cremlino ha anche avvertito che la Russia si vendicherà sulla proposta del G7 di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio russo, un passo che difficilmente danneggerà la Russia a meno che Cina e India non seguano l’esempio.

Il ministro dell’Energia russo, Nikolai Shulginov, ha dichiarato martedì a Vladivostok che la Russia risponderà al prezzo massimo inviando più petrolio in Asia. Ha anche riferito che la Russia ei suoi partner stanno valutando la possibilità di creare un assicuratore per facilitare il commercio di petrolio.