L’Europa resiste a Zew e downgrade Portogallo

13 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Rialzi consistenti si evidenziano nel panorama europeo, attorno al giro di boa, dopo una mattinata pressocchè volatile. Gli indici infatti partiti cauti, con l’incertezza sulla stagione delle trimestrali iniziata ieri in America, hanno intrapreso la via del rialzo, seguendo il miglioramento dei futures statunitensi. I listini del Vecchio Continente, sembrano così ignorare le indicazioni negative ginnte in mattinata, come il declassamento del Portogallo deciso da Moody’s e la decelerazione dello Zew tedesco a luglio oltre le aspettative. Note dolenti che hanno penalizzato invece la moneta unica scesa fino a 1,2521 dollari ed ora in marginale recupero a 1,258. Sullo sfondo resta la tensione per l’attesa della pubblicazione degli “stress test” delle banche, che mina il corso della divisa di Eurolandia. I timori infatti di un credito ancora in difficoltà mettono sotto pressione la valuta europea a favore del biglietto verde che ricopre il ruolo di bene rifugio. Sugli altri mercati, reupera terreno il petrolio con le quotazioni che risalgono sopra quota 75 dollari al barile. Intanto l’Agenzia internazionale per l’energia nel suo Oil market petroil, afferma che nel 2011 la domandata di oro nero sarà trainata interamente dai paesi al di fuori dell’Ocse. L’Aie stima una domanda di greggio a 87,8 milioni di barili al giorno, con una crescita di 1,3 milioni di barili al giorno, rispetto al rialzo di 1,8 milioni di barili al giorno atteso per quest’anno. Ora si attende la partenza di Wall Street, che secondo l’andamento dei futures sugli indici americani, dovrebbe essere posiitva e fiduciosa verso la trimestrale di Intel, dopo quella migliore del previsto di Alcoa, ieri. Dal fronte macro sono attesi i numeri sulla bilancia commerciale Usa. Tra le piazze finanziarie, Francoforte segna un incremento dell’1,39% a 6076,81 punti, Parigi sale dell’1,59% e Londra guadagna l’1,49%. Rialzi oltre l’1% anche per Amsterdam, Bruxelles e Madrid.