Kendall: “Vi racconto le elezioni di midterm dall’America”

17 Ottobre 2022, di Redazione Wall Street Italia

di Coleman Kendall, economista americano

Le elezioni di midterm negli Stati Uniti non sono come le elezioni in qualsiasi altra parte del mondo. Le elezioni presidenziali, ogni quattro anni, hanno un certo ritmo. Per le elezioni presidenziali di solito c’è un presidente in carica (o il suo successore designato) e uno sfidante dell’altro partito. Il tema delle elezioni varia sempre, ma ci sono due temi di base: “altri quattro anni” o “è ora di cambiare”.

Ma le elezioni di midterm sono diverse. Sono una peculiarità del mondo politico statunitense, le cui radici affondano nella Costituzione americana, scritta alla fine del 1700. L’idea è che i diversi organi legislativi ed esecutivi siano eletti a intervalli diversi. I presidenti sono eletti ogni 4 anni per un mandato di 4 anni. I membri della Camera dei Rappresentanti, più sensibili alle istanze popolari, sono eletti ogni 2 anni. I senatori, che fanno parte di un organo più deliberato e con una visione a lungo termine, hanno un mandato di 6anni e ogni due 2 un terzo dei senatori viene eletto.

Le elezioni di metà mandato danno al pubblico votante la possibilità di reagire agli ultimi due anni. Due anni fa, il presidente Joe Biden è stato eletto con una maggioranza risicata in entrambe le Camere (alla Camera dei Rappresentanti con un margine di 220-212 e tre seggi vacanti e al Senato con 50-50 ma il vicepresidente vota in caso di parità, dando ai Democratici un controllo effettivo).

La domanda tipica delle elezioni di metà mandato è come quella dell’anno delle elezioni presidenziali: siete soddisfatti del governo attuale o vorreste vedere un cambiamento? La risposta è quasi sempre che gli americani votano contro il partito del Presidente e a favore dell’opposizione. Negli ultimi 100 anni (25 elezioni di midterm), il partito del presidente ha perso seggi alla Camera tutte le volte, tranne due.

Se le elezioni sono un referendum sul presidente, egli perderà. Biden vanta un’approvazione del 43% nei sondaggi (52% di disapprovazione).

I democratici hanno cercato di cambiare argomento, sostenendo che il vero problema è il presidente Trump e alcune politiche repubblicane (aborto e politiche sociali); i repubblicani rispondono che, al di là della disapprovazione personale di Biden, l’inflazione, la criminalità nelle città e la debolezza dell’economia (due trimestri negativi di crescita del Pil) indicano che è “tempo di cambiare”.

Ma c’è un limite non ben compreso alle dimensioni della vittoria di uno dei due partiti. Un grande cambiamento negli Stati Uniti negli ultimi anni è stato il grado di “smistamento”, cioè la tendenza delle persone a vivere in una regione con altre persone dello stesso credo politico. Ci sono Stati rossi repubblicani e Stati blu democratici largamente dominati da un unico partito (per qualche motivo negli Stati Uniti il partito democratico, il partito di centro-sinistra, è blu).

In pratica, questo significa che dei 435 seggi della Camera, solo circa 75 hanno due candidati competitivi. Le previsioni attuali danno ai repubblicani una buona possibilità di prendere il controllo.

Il Senato è una storia diversa. Ci sono circa una dozzina di seggi competitivi al Senato e il risultato probabile è tra il 52 e il 48 a favore dell’uno o dell’altro partito, ma i Democratici possono mantenere il controllo se il risultato è di 50-50.

Ciò che manca alle elezioni è qualsiasi discussione sulla politica internazionale: nessuno parla di Ucraina, Cina, petrolio dell’Opec e dell’Arabia Saudita o altro.

Detto questo, la partecipazione alle elezioni di midterm (la percentuale degli aventi diritto al voto) sarà probabilmente pari o inferiore al 50%. Il motivo è in parte dovuto alla natura non competitiva di molte gare in cui l’affluenza è bassa e al fatto che le elezioni si tengono di martedì, un giorno lavorativo (anche se ora ci sono molti modi per votare in anticipo o per posta).

Se i repubblicani prenderanno il controllo della Camera, non potranno approvare alcuna legge a causa del potere di veto del presidente. L’unica cosa che potranno fare è indagare su di lui, quindi potremmo aspettarci una serie di indagini su Biden (e forse su suo figlio). I candidati alla presidenza tradizionalmente annunciano l’inizio delle loro campagne poco dopo le elezioni di metà mandato, quindi l’attenzione si sposterà rapidamente al 2024.