Jim Rogers: “Il prossimo mercato orso sarà il peggiore della vostra vita”

9 Febbraio 2018, di Mariangela Tessa

Non siamo ancora lì. Ma non è escluso che l’ondata di vendite che si è abbattuta questa settimana sulle Borse sia solo l’inizio di una fase ribassista, generalmente riconosciuta con un calo del 20% delle quotazioni. Una fase che, secondo il veterano dei mercati, Jim Rogers, quando si paleserà “sarà la peggiore nella nostra vita”.

Il motivo?

“Il debito è molto, molto più alto ora rispetto al passato”, ha detto Rogers in un’intervista a Bloomberg, aggiungendo che si aspetta che l’attuale rotta del mercato azionario continui, anche se non si spinge così lontano da dire che questo è stato l’inizio di un mercato ribassista.

Rogers non esclude che l’attuale sell-off possa incremenetare la sua forza nelle prossime settimane, dopo che la Fed avrà aumentato i tassi di interesse.

Questo non è il primo avvertimento sul mercato orso da parte di Rogers. Già nel mese di novembre, Rogers aveva detto al sito MarketWatch, che gli Stati Uniti erano “in ritardo” nella fase ribassista, anticipando turbolenze nei prossimi due anni.

Sempre in quell’occasione, Rogers aveva spiegato di essere poco esposto nei confronti dell‘azionario americano perché sentiva odore di bolla e che Giappone, Cina e Russia offrivano migliori opportunità di investimento. Anche sul Bitcoin, il finanziere americano aveva avvertito: “ha le stesse caratteristiche di tutte le bolle che ho visto nel corso della storia.”