Per investire non ascoltate broker e media ma solo gli esperti

14 Maggio 2021, di Alessandra Caparello

Per investire non ascoltate broker e media ma solo gli esperti

Il famoso investitore James Anderson di Baillie Gifford spara a zero sui colleghi fund manager, dipendenti dal “fascino quasi pornografico” dei rapporti sugli utili e dei titoli macroeconomici, sostenendo che l’industria era “irrimediabilmente rotta”.

Anderson, prossimo alle dimissioni, ha generato rendimenti del 1,700% per gli investitori del fondo di punta di Baillie Gifford, dando un sostegno a società tecnologiche come Tesla, Amazon e le cinesi Tencent e Alibaba.  Ma ora ha venduto l’80% delle sue azioni Tesla e ha scaricato le sue partecipazioni in Facebook e la società madre di Google, Alphabet, per concentrarsi sulla ricerca di altre aziende.

Tra i nuovi investimenti di Anderson si segnala Northvolt, produttore svedese di batterie per veicoli elettrici, guidato da un ex ingegnere Tesla, e il produttore di vaccini contro il Covid-19 Moderna, che Anderson ha paragonato a una società di software, in quanto scrive il codice RNA che serve per programmare le cellule umane per sviluppare nuove terapie.

Il 61enne Anderson, nella sua relazione relativa ai risultati dell’intero anno del fondo da 16 miliardi di sterline, l’ultimo prima della sua partenza, ha criticato la filosofia del value investing dei veterani Benjamin Graham e Warren Buffett.

Il segreto per investire con successo è “capire il cambiamento, come accade, quanto accade e le sue implicazioni” a lungo termine, sottolineando l’importanza di ascoltare scienziati e altri esperti.

Per esempio, quando il trust ha investito in Tesla sette anni fa “che i veicoli elettrici avrebbero vinto era diventato intensamente probabile”, ha detto – ma altri hanno scelto di concentrarsi sui titoli negativi su Tesla e il suo amministratore delegato, Elon Musk. Da allora, le azioni Tesla sono salite da circa 6 dollari a 590 dollari.

“La maggior parte degli investitori non ascolta gli esperti. Invece ascoltano i broker e i media.

Investire: chi è James Anderson

James Anderson è entrato in Baillie Gifford nel 1983 e ha gestito il suo fondo di punta dal 2000. Dopo le sue dimissioni, diventerà presidente della società di investimenti svedese Kinnevik, che gestisce la fortuna della famiglia svedese Stenbeck e altri.

Famoso per la sua schiettezza, a marzo ha sottolineano che le società di gestione degli investimenti rischiano di diventare troppo grandi e burocratiche e in precedenza aveva criticato Buffett, che gestisce la Berkshire Hathaway ed è venerato come “l’oracolo di Omaha”. In un’intervista con Investment Trust Insider nel 2018, Anderson si è descritto come una “persona più Charlie Munger che un Warren Buffett”, dicendo che Munger, vicepresidente di Berkshire Hathaway, era “molto meno incline al folklore americano”.