Ivermectina: una pasticca e la paura del Covid sparirebbe senza lasciar traccia di se

10 Agosto 2021, di Leopoldo Gasbarro

Potrebbero bastare questi due grafici per lasciarci semplicemente con il sospetto, fondato e bellissimo di poter essere vicini ad una soluzione della pandemia. Non voglio impegolarmi in concetti politici che non mi riguardano, e ancora meno in termini farmacologici, neanche di questo sono esperto. Ma di numeri un po’ me ne intendo e i due grafici pubblicati nello studio ed anche le tabelle che troverete più avanti lasciano spazio a pochi dubbi.

Io faccio il giornalista e come tale indago, chiedo, approfondisco, studio. Ogni giorno che passa vedo avvicinarsi la fine della Pandemia.

Recentemente, è emersa la prova che l’agente antiparassitario orale ivermectina esibisce numerosi meccanismi antivirali e antinfiammatori con risultati di studi che riportano significativi benefici in termini di esito contro il Covid-19.

Anche l’AIFA (l’azienda italiana del farmaco) ha dato il via ad uno studio per testare l’efficacia dell’Ivermectina contro il Covid-19. Così, diversi gruppi di esperti tra cui Unitaid/Organizzazione mondiale della sanità hanno intrapreso uno sforzo globale sistematico per contattare tutti i ricercatori attivi della sperimentazione per raccogliere rapidamente i dati necessari per classificare ed eseguire meta-analisi.

In molti casi di ricerca i dati sono già stati pubblicati come nel caso specifico che vi stiamo raccontando i dati sono stati pubblicati dall’American Journal of Therapeutics e li trovate al seguente link:

https://journals.lww.com/americantherapeutics/fulltext/2021/06000/review_of_the_emerging_evidence_demonstrating_the.4.aspx

Leggiamone degli stralci essenziali:

“La grande maggioranza degli studi sull’ivermectina riporta miglioramenti ripetuti e di grande entità negli esiti clinici. Numerosi studi di profilassi dimostrano che l’uso regolare di ivermectina porta a grandi riduzioni della trasmissione. Molteplici e ampi “esperimenti naturali” si sono verificati nelle regioni che hanno avviato campagne di “distribuzione dell’ivermectina” seguite da diminuzioni strette, riproducibili e temporalmente associate nel conteggio dei casi e nei tassi di mortalità rispetto alle regioni vicine senza tali campagne.

L”ivermectina è un farmaco antiparassitario ampiamente utilizzato con note proprietà antivirali e antinfiammatorie. Sebbene molti studi hanno mostrato benefici in molteplici esiti clinici e virologici importanti, inclusa la mortalità ed un numero crescente di studi a sostegno di questa conclusione sia passato attraverso la revisione delle agenzie del farmaco internazionali, circa la metà dei restanti dati degli studi proviene da manoscritti caricati su server di prestampa medica, una pratica ormai standard sia per la rapida diffusione che per l’adozione di nuove terapie durante la pandemia.
Per questo non tutti gli studi hanno i crismi dell’ufficialità e vanno considerati in funzione di ciò che decideranno le agenzie AIFA compresa.

Studi preclinici sull’attività dell’ivermectina contro SARS-CoV-2

Dal 2012, un numero crescente di studi cellulari ha dimostrato che l’ivermectina ha proprietà antivirali contro un numero crescente di virus a RNA, tra cui influenza, Zika , HIV, Dengue e, soprattutto, SARS-CoV-2.
Alcuni studiosi hanno riferito per la prima volta che l’ivermectina inibisce significativamente la replicazione di SARS-CoV-2 in un modello di coltura cellulare, osservando la quasi assenza di tutto il materiale virale 48 ore dopo l’esposizione al farmaco.

Va notato che le concentrazioni richieste per un effetto nei modelli di coltura cellulare hanno poca somiglianza con la fisiologia umana data l’assenza di un sistema immunitario attivo che lavora in sinergia con un agente terapeutico, come l’ivermectina.

In 4 degli studi, l’ivermectina è stata identificata come avente la più alta o tra le più alte affinità di legame con i domini di legame della proteina spike S1 di SARS-CoV-2 tra centinaia di molecole esaminate collettivamente, con l’ivermectina non essendo il focus particolare dello studio in 4 di questi studi.

Questo è lo stesso meccanismo per cui gli anticorpi virali, in particolare quelli generati dai vaccini Pfizer e Moderna, contengono il virus SARS-CoV-2. L’elevata attività di legame dell’ivermectina alla proteina spike SARS-CoV-2 potrebbe limitare il legame rispettivamente al recettore ACE-2 o ai recettori dell’acido sialico, impedendo l’ingresso cellulare del virus o prevenendo l’emoagglutinazione, un meccanismo patologico recentemente proposto nel COVID -19.

È stato anche dimostrato che l’ivermectina si lega o interferisce con più proteine ​​essenziali strutturali e non strutturali richieste dal virus per replicarsi. Infine, l’ivermectina si lega anche alla RNA polimerasi SARS-CoV-2 RNA-dipendente (RdRp), inibendo così la replicazione virale.

Uni degli studi ha incluso 40 topi infetti, 20 dei quali trattati con ivermectina, 20 con soluzione salina tamponata con fosfato e poi 16 topi di controllo non infetti a cui è stata somministrata anche soluzione salina tamponata con fosfato.
Al giorno 5, tutti i topi sono stati uccisi per ottenere tessuti per l’esame e la valutazione della carica virale. I 20 topi infetti non trattati con ivermectina hanno tutti mostrato una grave necrosi epatocellulare circondata da una grave infiltrazione infiammatoria linfoplasmocitaria associata ad un’elevata carica virale epatica (52,158), mentre nei topi trattati con ivermectina è stata misurata una carica virale molto più bassa (23,192; P <0.05), con solo pochi fegati nei topi trattati con ivermectina che mostravano un danno istopatologico tale che le differenze tra i fegati dei topi di controllo non infetti non erano statisticamente significative.

Nonostante queste crescenti intuizioni sui meccanismi d’azione esistenti e potenziali dell’ivermectina sia come agente profilattico che terapeutico, va sottolineato che rimangono lacune significative nella ricerca e che dovrebbero essere intrapresi molti ulteriori studi in vitro e sugli animali per definire meglio non solo questi meccanismi ma anche per supportare ulteriormente il ruolo dell’ivermectina come agente profilattico, specialmente nella dose e nella frequenza ottimali richieste. Gli altri studi potete trovarli al link che ho già inserito in questo articolo dall’American Journal of Therapeutics.

I dati che illuminano ulteriormente il potenziale ruolo protettivo dell’ivermectina contro il COVID-19 provengono da uno studio sui residenti in case di cura in Francia, che ha riferito che in una struttura che ha subito un’epidemia di scabbia in cui tutti i 69 residenti e 52 membri del personale sono stati trattati con ivermectina, hanno trovato che durante il periodo che circonda questo evento, 7 dei 69 residenti si sono ammalati di COVID-19 (10,1%). In questo gruppo con un’età media di 90 anni, solo un residente ha richiesto il supporto di ossigeno e nessun residente è morto. In un gruppo di controllo abbinato di residenti delle strutture circostanti, hanno scoperto che il 22,6% dei residenti si è ammalato e il 4,9% è morto.

Ulteriori prove a sostegno dell’efficacia dell’ivermectina come agente di profilassi sono state pubblicate di recente sull’International Journal of Antimicrobial agent dove un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati utilizzando la banca dati sulla chemioterapia profilattica amministrata dall’OMS insieme ai conteggi dei casi ottenuti da Worldometers, un sito pubblico di aggregazione dei dati. utilizzato, tra gli altri, dalla Johns Hopkins University.
Quando hanno confrontato i dati dei paesi con programmi attivi di somministrazione di farmaci di massa di ivermectina per la prevenzione delle infezioni parassitarie, hanno scoperto che i conteggi dei casi COVID-19 erano significativamente più bassi nei paesi con programmi attivi.

Ulteriori dati a sostegno di un ruolo dell’ivermectina nella diminuzione dei tassi di trasmissione possono essere trovati dai paesi sudamericani dove, in retrospettiva, sembrano essersi verificati grandi “esperimenti naturali”.
Ad esempio, a partire da maggio, vari ministeri regionali della salute e autorità governative in Perù, Brasile e Paraguay hanno avviato campagne di “distribuzione di ivermectina” ai loro cittadini.
In uno di questi esempi dal Brasile, le città di Itajai, Macapa e Natal hanno distribuito enormi quantità di dosi di ivermectina alla popolazione della loro città, dove nel caso di Natal sono state distribuite 1 milione di dosi.

La campagna di distribuzione di Itajai è iniziata a metà luglio, a Natal è iniziata il 30 giugno e a Macapa, la capitale di Amapa e altre vicine, hanno incorporato l’ivermectina nei loro protocolli di trattamento a fine maggio, dopo essere stati particolarmente colpiti ad aprile.
I dati nella tabella 1 sono stati ottenuti dal sito ufficiale del governo brasiliano e dal consorzio della stampa nazionale e mostrano grandi diminuzioni del numero di casi nelle 3 città subito dopo l’inizio della distribuzione rispetto alle città vicine senza tali campagne.

Tabella 1. – Il confronto del numero di casi diminuisce tra le città brasiliane con e senza campagne di distribuzione di ivermectina.

Le diminuzioni del numero di casi tra le 3 città brasiliane riportate nella tabella 1 sono state associate anche a tassi di mortalità ridotti, come riassunto nella tabella 2 .

 

Tavolo 2. – Variazione dei tassi di mortalità tra le regioni limitrofe in Brasile.