“Cosa possono imparare gli uomini dallo stile d’investimento femminile”

29 Giugno 2020, di Alberto Battaglia

Aprirsi psicologicamente al proprio lato femminile è, per gli uomini, un esercizio che solitamente sollecita doti quali l’empatia e la mediazione. Se si parla di investimenti, però, che cosa potrebbe “imparare” l’uomo dagli atteggiamenti solitamente assunti dalle donne riguardo alle loro scelte sul denaro? E’ la domanda alla quale ha cercato di rispondere la financial planner Christine D. Moriarty, in un articolo comparso su Marketwatch.

Se si parla di investimenti, sembra trovare conferma quello stereotipo per il quale l’audacia è una caratteristica tipicamente maschile.

“In effetti, la maggior parte degli uomini assume rischi più elevati quando si tratta del proprio stile di vita e del denaro”, ha dichiarato la consulente. Per quanto riguarda lo stile di vita, “i lavori più rischiosi”, che più spesso sono svolti dagli uomini, “comportano lesioni più elevate e richiedono un’assicurazione per invalidità più costosa”.
Inoltre, “gli uomini in genere guidano più veloce e coltivano hobby più pericolosi, il che significa spese di assicurazione sulla vita più costose. E questi costi si sommano”, ha aggiunto Moriarty.

Risparmio, le differenze fra uomini e donne

E in merito al risparmio? “La propensione degli uomini all’investimento fai-da-te porta spesso a una mentalità più sportiva”, ha detto la consulente, tale mentalità si traduce nell’ “osservare, acclamare e reagire al mercato azionario”.

Al contrario, le donne tendono ad essere investitori con un atteggiamento più da ‘imposta e dimentica’. Anche quelle donne che fanno le money manager di professione cambiano i loro investimenti meno spesso dei loro omologhi di sesso maschile, con buoni risultati in termini di rendimento del portafoglio”.

Secondo Moriarty gli uomini potrebbero prendere ispirazione dai comportamenti finanziari delle donne per tre ragioni principali.

  • “Non chiedere mai” è un atteggiamento che si riflette anche nelle relazioni di tipo finanziario. Moriarty ha ricordato che il 64% degli uomini investono senza cercare un consiglio professionale, mentre la percentuale si riduce al 33% per le donne. Pertanto “gli uomini considerano gli investimenti una materia che reputano in grado di capire senza aiuto e senza guide”. Imparare a riconoscere i propri limiti è sicuramente una dote utile anche nel mondo del risparmio.
  • Le donne hanno successo nel risparmio tanto quanto gli uomini”, benché si sentano meno sicure delle proprie capacità, ha poi aggiunto la consulente. Nel caso della crisi del 2008 “le donne hanno ottenuto migliori risultati rispetto ai loro pari di sesso maschile”.
  • Gli uomini confondono spesso l’azione con i progressi”, ha poi aggiunto la Moriarty. Fare di più, compiere maggiori azioni nel trading, indebitarsi di più sono tutte azioni che tradiscono il desiderio di “fare soldi in fretta”. La strada per riuscirci non è detto che sia caratterizzata da un maggior numero di decisioni, visto che è la qualità delle scelte a fare la differenza.