Inflazione: a Londra sfonda il tetto del 10,01%. Mai così da 40 anni. Tornano al lavoro gli ultra 65enni

17 Agosto 2022, di Leopoldo Gasbarro

L’impennata dei costi alimentari ha spinto l’inflazione nel Regno Unito a due cifre per la prima volta dal 1982, con i prezzi che continuano a crescere al ritmo più veloce da oltre 40 anni.

L’inflazione ha così raggiunto il 10,1%, rispetto al 9,4% di giugno, ha affermato l’Ufficio di statistica nazionale (ONS). L’aumento vertiginoso del costo della vita sta consumando i bilanci delle famiglie, con prezzi che crescono più velocemente dei salari . La Banca d’Inghilterra ha affermato che l’inflazione potrebbe raggiungere un picco di oltre il 13% quest’anno.

 

 

Anche i costi dell’energia, della benzina e del diesel stanno contribuendo all’inflazione. Ma secondo l’ONS, il cibo e le bevande analcoliche hanno contribuito maggiormente all’aumento dei prezzi a luglio. Il prezzo del pane, dei cereali, del latte, del formaggio e delle uova è aumentato più rapidamente, così come quello di verdure, carne e cioccolato.

I prezzi sono aumentati anche per altri prodotti di base, come rotoli di carta igienica, cibo per animali domestici e spazzolini da denti. I costi di trasporto sono stati un altro grande fattore che ha contribuito, con un aumento particolarmente significativo delle tariffe aeree e dei biglietti ferroviari internazionali. Anche il prezzo dei pacchetti vacanza è aumentato, con l’aumento della domanda.

Ora la preoccupazione maggioore è per ciò che accadrà quando le bollette energetiche saliranno di nuovo questo inverno.  Si prevede che la bolletta energetica tipica delle famiglie raggiungerà 3.582 sterline a ottobre e 4.266 a gennaio, quando il prezzo massimo – l’importo massimo che i fornitori possono addebitare ai clienti in Inghilterra, Scozia e Galles per ogni unità di energia – aumenterà nuovamente.

L’aumento dei prezzi globali delle materie prime alimentari, in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, è stato uno dei fattori che hanno spinto al rialzo i prezzi alle casse dei supermercati.

La guerra ha interrotto le forniture dai due paesi, che sono i principali esportatori di beni come l’olio di girasole e il grano. Alcune materie prime, in particolare cereali e oli commestibili, sono notevolmente diminuite, ma in genere c’è un ritardo di circa sei mesi prima che si trasmetta ai prezzi sugli scaffali.

Mentre la Banca d’Inghilterra e altri hanno previsto che l’inflazione avrebbe superato il 10%, la maggior parte degli economisti non si aspettava ancora che ciò accadesse, con una previsione di consenso al 9,8%.

La Banca d’Inghilterra ha avvertito che il Regno Unito cadrà in recessione entro la fine dell’anno , con l’economia prevista in contrazione negli ultimi tre mesi del 2022 e in continua  riduzione fino alla fine del 2023.

Gli over 65 del Regno Unito tornano al lavoro a causa della crisi del costo della vita

Intanto i britannici più anziani stanno tornando nel mercato del lavoro poiché la crisi del costo della vita li costringe a ripensare i piani pensionistici.  Il numero di occupati di età pari o superiore a 65 anni è balzato di 173.000 a 1,47 milioni nei tre mesi fino a giugno, secondo i dati del governo pubblicati martedì. L’aumento ha guidato la creazione di posti di lavoro durante il periodo, con l’occupazione tra i 16 ei 64 anni in calo di quasi 14.000.

I tassi di inflazione elevati potrebbero aver indotto alcuni lavoratori più anziani a tornare al lavoro poiché le loro finanze sono state lese a causa dell’aumento dei prezzi. Oltre a questo, l’aumento dell’età pensionabile statale potrebbe aver incentivato i lavoratori più anziani a rimanere più a lungo nel mercato del lavoro.