Immobili: segmento lusso vivace a Milano, sempre più case di pregio in periferia

10 Marzo 2022, di Mariangela Tessa

Nel settore immobiliare italiano, Milano si conferma un mercato vivace per il segmento del lusso, che continua a mostrare una buona tenuta sia negli acquisti di prima casa, sia in quelli per investimento. Tutto questo mentre lo sviluppo di case di pregio si sta spostando progressivamente verso la periferia. A mettere in luce le nuove tendenze del mattone meneghino sono due analisi.

La prima realizzata dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa mostra come, nel post pandemia, siano prevalenti le richieste di soluzioni ampie di almeno 180-200 mq con sfoghi esterni. Caratteristiche imprescindibili, oltre alla location e alla qualità dell’abitazione, sono la sicurezza con dispositivi tecnologici moderni e la progettazione degli ambienti, attenta alle esigenze di comfort e ottimizzazione degli spazi.

Le zone più ambite sono quelle di Garibaldi-Moscova-Porta Nuova e Brera. La bassa offerta determina prezzi che sul nuovo toccano punte di 14mila euro al mq contro una media della zona intorno a 7000 euro al mq per soluzioni da ristrutturare. Quotazioni da 9000 a 13mila euro al mq si segnalano per City Life, si scende a 7000-9000 euro al mq in zona Pagano. In via De Amicis, Ariberto le soluzioni signorili d’epoca ristrutturate toccano valori di 7000-8000 euro al mq. Punte di 10mila euro al mq per le soluzioni nuove su via Vico.

In cima alla classifica per prezzi, spiccano gli 8500 euro al mq in piazza della Guastalla, in piazza Mondadori, via Quadronno nella zona di Porta Romana.

Milano: costruzioni di lusso si allargano alla periferia

Una conferma della vivacità del capoluogo meneghino nello sviluppo del mercato del lusso, arriva anche Market Report Milano di Engel & Völkers relativo al secondo semestre 2021, realizzato in collaborazione con Nomisma. Lo studio mette in evidenza come la maggior parte dei nuovi sviluppi immobiliari di lusso sia concentrata al di fuori della terza cerchia:

“Il limite della linea 90/91 vede pertanto sfumare il proprio storico segno di confine del mercato di pregio. In tal senso, la città sta sperimentando una forte espansione orizzontale – evidenzia il report -. Sul versante dei prezzi, molti sono gli immobili di lusso che presentano quotazioni ampiamente fuori mercato, indipendentemente dalla zona di riferimento. Gli immobili in centro storico sono considerati un investimento esente da rischi, in particolare per gli investitori non locali, mentre i residenti investono in altre zone, dove i prezzi sono aumentati di più rispetto al centro”.

Quanto costano le case a Milano

I prezzi medi degli immobili del centro storico vanno da 8-15 mila euro/mq per quelli ristrutturati al nuovo e da 6-10 mila euro/mq per quelli da ristrutturare. Le quotazioni top toccano i 20-21 mila euro/mq nel Quadrilatero, a Brera e in zona Castello-Foro Buonaparte, e i 17-18 mila euro/mq in San Babila, Duomo e Cordusio.

Nella zona Ovest, le quotazioni medie vanno invece da 5.500 a 8.200 euro/mq per gli immobili ristrutturati al nuovo e da 4.400 a 6.300 euro/mq per quelli da ristrutturare. Fuori range le quotazioni di City Life, tra 7.700-14.500 euro/mq e, nella fascia inferiore, quelle di Gambara-Bande Nere, comprese tra 4.000-5.600 eur/mq circa.

Per quanto riguarda la zona Est, i valori di compravendita sono compresi nel range 4.000-9.000 euro/mq per gli alloggi ristrutturati al nuovo mentre nell’area Nord i prezzi per le proprietà nuove e ristrutturate al nuovo variano tra 4.500 e 7.000 euro/mq nelle zone Centrale-Loreto e Isola-Gioia-Maggiolina. Infine, nella zona Sud, i prezzi oscillano tra 5.800 euro/mq di Medaglie d’Oro-Lodi e 10.000 euro/mq di Porta Romana-Crocetta-Quadronno.