Il dollaro pronto a raggiungere il massimo di 20 anni

14 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Il dollaro ha ridotto le perdite iniziali e si è mantenuto vicino al picco degli ultimi 20 anni, le altre valute come AUD e EURO hanno lottato, mentre i trader si preparano agli aggressivi rialzi dei tassi di interesse dalla Federal Reserve questa settimana.

Dollaro alle prese con la Fed

Le aspettative per un aumento di 75 punti base alla conclusione della riunione di due giorni, mercoledì, sono molto probabili, secondo Fedwatch Tool di CME, banche di investimento come Goldman Sachs prevedono un aumento del tasso di 75 punti base in giugno e luglio e un aumento di 50 punti base a settembre.

Un aumento di 75 punti base sarebbe il più grande dal 1994 e con i mercati azionari mondiali che subiscono forti perdite, anche l’attrattiva del biglietto verde come bene rifugio diventa sempre più interessante.

“Non ci sono segnali convincenti di caccia all’affare in valute più rischiose o di presa di profitto su posizioni lunghe sul dollaro dopo i fuochi d’artificio di ieri… Non vuoi essere short sul dollaro in questo scenario”, ha affermato Kenneth Broux, uno stratega di Société Générale.

L’allargamento dei differenziali di tasso a favore degli Stati Uniti ha rafforzato l’attrattiva del biglietto verde, mentre la riduzione delle posizioni long ha anche aiutato i trader ad accumulare scambi di ampia gittata sul dollaro.

Il biglietto verde ha raggiunto i massimi di un mese su euro, dollaro australiano, dollaro neozelandese, franco svizzero e dollaro canadese e oggi ha raggiunto un nuovo massimo mensile di $1,0397 per euro, prima di ritirarsi leggermente a $1,0475.