Il Bitcoin potrebbe scendere fino a 13.000 dollari. Ecco perchè

22 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Se le bolle del passato nel mercato delle criptovalute sono qualcosa su cui basarsi, allora il Bitcoin potrebbe essere sul punto di scendere ancora più in basso.

Secondo Ian Harnett, co-fondatore e chief investment officer di Absolute Strategy Research, la principale criptovaluta del mondo rischia di scendere fino a $13.000, con un calo di quasi il 40% rispetto ai livelli attuali.

“Vendiamo ancora questo tipo di criptovalute in questo ambiente.  È davvero un gioco di liquidità. Quello che abbiamo scoperto è che non è né una valuta, né una merce e certamente non una riserva di valore”.

Spiegando la sua chiamata ribassista, Harnett ha affermato che i precedenti rally delle criptovalute mostrano che il Bitcoin tende a scendere di circa l′80% dai massimi storici. Nel 2018, ad esempio, la criptovaluta è crollata a quasi $3.000 dopo aver raggiunto un picco di quasi $20.000 alla fine del 2017.

Un tale calo nel 2022 “ci riporterebbe a circa $13.000”, una “area di supporto chiave” per il token, secondo Harnett. Bitcoin è salito a un livello record di quasi $ 69.000 al culmine della frenesia delle criptovalute del 2021.

Il mondo delle criptovalute è al limite mentre gli investitori sono alle prese con l’impatto di tassi di interesse più elevati, in un’era di politica monetaria estremamente espansiva.

La scorsa settimana, la Federal Reserve ha alzato il tasso di prestito di riferimento di 75 punti base, il più grande aumento singolo dal 1994. La decisione della Fed è stata seguita da mosse simili da parte della Banca d’Inghilterra e della Banca nazionale svizzera.

Questo ha avuto un impatto sulle risorse digitali. Il valore combinato di tutte le criptovalute è precipitato di oltre $350 miliardi nelle ultime due settimane. Il Bitcoin ha perso oltre metà del suo valore da inizio anno.

Il mercato delle criptovalute era già su un terreno instabile prima dell’aumento dei tassi della Fed la scorsa settimana, con i trader sconvolti dal crollo di $60 miliardi della popolare stablecoin TerraUSD e del suo token gemello Luna.

Cosa ci dice l’analisi di Bitcoin e dollaro

I dati hanno mostrato che BTC/USD ha interrotto bruscamente il suo ultimo rialzo toccando minimi di $19.947 su Bitstamp.

La più grande criptovaluta che aveva superato $21.700 nella giornata di martedì, la sua migliore performance dal 16 giugno, ma poi ha ridotto il proprio slancio durante la sessione di trading di Wall Street.

Per il famoso trader e analista Rekt Capital, c’era il pericolo che BTC/USD non potesse recuperare la sua media mobile a 200 periodi. Come classica linea di supporto nei precedenti mercati ribassisti, il Bitcoin aveva precedentemente mantenuto la media mobile a 200 periodi come supporto.

“Se BTC non può rivendicare la media mobile di 200 settimane come supporto […] Allora uno degli scenari di ciò che potrebbe accadere comporterebbe un ribasso verso nuovi minimi prima della formazione di un intervallo di accumulazione per la prima volta al di sotto della media mobile di 200 settimane” ha avvertito .

Il collega trader Credible Crypto è più ottimista sulla prospettiva a breve termine e su Twitter ha dichiarato di non prevedere un prezzo spot molto più basso.

Le Whale cercano di ridurre l’esposizione su Bitcoin

Per i maggiori detentori di Bitcoin, i segnali di cambiamento erano già visibili nei dati on-chain.

Secondo la società di analisi on-chain Glassnode, il 20 e 21 giugno, le balene di Bitcoin hanno depositato oltre 50.000 BTC negli exchange.  Precedentemente afflussi per 58.000 Bitcon sono stati registrati il 13 giugno.

Gli afflussi complessivi dai portafogli delle Whales sono quindi rimasti elevati su base infragiornaliera, pur non eguagliando i livelli osservati durante alcune precedenti vendite.

glassnode whales