Hugo Chavez, presidente del Venezuela (1999 – 2013)

8 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

Amato dalle masse indigenti del suo Paese; temuto dagli oppositori politici; malvisto da molte potenze occidentali, Stati Uniti su tutte.

Il soggetto è Hugo Rafael Chávez Frías, nato a Sabaneta il 28 luglio 1954  e deceduto a Caracas il 5 marzo 2013.

Cresciuto con la nonna in una casa costruita con paglia e fango secco, fin da ragazzino – appena entrato nell’esercito – ha inseguito il sogno di costruire un “nuovo socialismo” di matrice panamericana, ispirato dalle gesta del patriota e rivoluzionario venezuelano Simon Bolivar.

A seguito di un colpo di stato tentato e fallito nel 1992, Chavez sale al potere nel 1999 e da allora il Venezuela comincia a crescere: aumentano notevolmente il tasso di alfabetizzazione e il benessere sociale; calano vistosamente la disoccupazione e la povertà.

>Chavez rinsalda i rapporti del Venezuela con gli altri Paesi dell’Opec e attacca frontalmente, senza alcun tipo di timore reverenziale, gli odiatissimi Stati Uniti d’America.

Nel 2006, all’Assemblea Generale dell’Onu a New York, tocca a lui parlare, nello stesso posto in cui il giorno prima è stato il turno di George W. Bush. Non usa certo mezzi termini il leader sudamericano: “Ieri il diavolo è stato qui, proprio qui. … e c’è ancora odore di zolfo“.

Sul piano della politica estera, stringe accordi di collaborazione con Cuba, difende e sostiene apertamente Ahmadinejad , riconosce lo Stato Palestinese e rompe i rapporti diplomatici con Israele.

In patria, però, i detrattori non mancano: viene accusato di calpestare i diritti umani e civili e di non garantire la libertà di stampa. Dopo aver varato una nuova costituzione “bolivariana”, nel 2002 resiste ad un colpo di stato e accresce il suo potere. Fino alla malattia, scoperta nel 2011, che non gli lascia scampo. Chavez si reca a Cuba dall’amico Fidel Castro per curarsi e dopo qualche tempo torna in patria per riprendere le redini del Paese; ma stavolta il temperamento gladiatorio che ha contraddistinto ogni tappa della sua vita non basta per sconfiggere il cancro.

Oggi, in attesa di nuove elezioni, il Venezuela è temporaneamente nella mani del successore designato Nicolas Maduro.

Dalla passione per Gramsci ai sospetti di avere una figlia segreta, fino alla presunta liaison con la modella Naomi Campbell, Hugo Chavez è stato senza dubbio uno dei personaggi più carismatici e controversi del Nuovo Millennio.

Fan page Facebook: Hugo Chávez Frías

Timeline hashtag #hugochavez