Guerra Ucraina: Ue valuta sanzioni energetiche contro la Russia

4 Marzo 2022, di Alessandra Caparello

Non si arresta il conflitto in corso tra Russia e Ucraina con pesanti ripercussioni per tutto il mondo. Nella notte le forze armate russe hanno attaccato la più grande centrale nucleare ucraina a Zaporizhzhia facendo alzare ai massimi i livelli di allerta.

L’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev ha sottolineato che l’attacco della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia – la più grande in Europa – è un crimine di guerra. Petro Kotin, capo di Energoatom – l’operatore statale ucraino dell’energia nucleare – precisa che l’impianto di Zaporizhzhia, oggi sotto il controllo russo, essendo nelle mani di individui senza esperienza nella manipolazione di materiale nucleare, rappresenta un pericolo “non solo per la regione, ma anche per il mondo”.

L’unica arma finora messa in pratica per fermare l’avanzata russa sono le sanzioni. “Quello che sta accadendo ora in Ucraina è orribile”, ha detto il capo della Nato Stoltenberg ai giornalisti dopo una riunione dei ministri degli esteri a Bruxelles.

“L’unico modo per attuare una no-fly zone è quello di inviare aerei della NATO in Ucraina e imporla abbattendo gli aerei russi. Se lo facessimo, finiremmo con … una guerra vera e propria in Europa. Ecco perché abbiamo preso questa dolorosa decisione di imporre sanzioni ma non mettere le truppe della NATO né a terra né nello spazio aereo …. Credo fortemente che se la NATO diventa direttamente coinvolta nel conflitto, vedremo più sofferenza umana, più civili uccisi … Non abbiamo intenzione di essere parte del conflitto con la Russia in Ucraina”.

Sanzioni energetiche in arrivo?

Proprio sulle sanzioni l’Ue tenta di calcare la mano. I ministri degli esteri dell’UE in summit a Bruxelles per discutere i prossimi passi da compiere mentre Mosca continua a bombardare l’Ucraina, potrebbero imporre sanzioni energetiche alla Russia. Tre funzionari europei, che non hanno voluto essere nominati, hanno detto alla CNBC che i ministri guarderanno all’imposizione di sanzioni energetiche alla Russia.

Parlando prima della riunione, Josep Borrell, il capo della politica estera dell’UE, ha detto che “tutto è sul tavolo”. Un funzionario ha sostenuto che i ministri discuteranno le sanzioni energetiche oggi, “ma non ci si aspetta una decisione importante”. Mentre un altro ha detto che sia le sanzioni difensive che quelle offensive contro la Russia saranno esaminate. Anche i rappresentanti di Ucraina, Stati Uniti, Canada e Regno Unito prenderanno parte alle discussioni.

L’UE ha già preso misure sanzionatorie contro il Cremlino, in particolare bloccando le banche russe dal sistema di pagamento internazionale, SWIFT. Tuttavia, la pressione è stata crescente sull’Ue per fare di più. Renew Europe, il partito liberale dentro il Parlamento europeo, chiede “un blocco economico completo che vieti le importazioni dalla Russia, compresi petrolio e gas, e gli investimenti”.

Tuttavia la Russia è una fonte di energia cruciale per l’Unione europea.  Nel 2021, l’UE ha importato circa il 45% del gas dal paese, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia. Nel 2020, le importazioni di petrolio russo hanno rappresentato circa il 25% degli acquisti di petrolio del blocco, secondo l’Eurostat. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha detto che Sberbank e Gazprombank, due grandi banche russe, non sono ancora state colpite dalle sanzioni dell’UE perché facilitano le transazioni relative alla fornitura di energia all’UE. “E’ inaccettabile”, ha detto Morawiecki. “La Polonia chiede che le sanzioni comprendano pienamente tutte le entità russe attraverso le quali viene finanziata la guerra”.

Gli Stati Uniti hanno anche detto che le sanzioni energetiche sono sul tavolo, ma i costi per metterle in pratica devono essere attentamente analizzati. L’attuazione di embarghi energetici alla Russia, scrive Silvia Amaro, significherebbe probabilmente costi più elevati per i consumatori negli Stati Uniti e nell’UE in particolare. Emre Peker, analista della società di consulenza Eurasia Group, parla di sanzioni energetiche alla Russia particolarmente dolorose.

“Più a lungo la decisione viene ritardata, e più siamo fuori dall’inverno e in primavera, più facile diventa muoversi”, ha aggiunto Peker. L’Ue ha sottolineato che qualsiasi effetto a catena di sanzionare la Russia è da valutare dato che il Cremlino non sta solo attaccando l’Ucraina, ma anche i valori democratici dell’Europa.