Gli artigli del mondo sull’Italia

12 Aprile 2020, di Leopoldo Gasbarro

Non so quanti si siano resi conto della “battaglia silenziosa” che si sta combattendo “per” l’Italia. Attenzione, quel “per” non sta a significare “a vantaggio”. No, quando dico “per” intendo proprio che qualcuno sia pronto a prendersi l’Italia ed ottenere i canoni di una sorta di protettorato sul Paese più bello del Mondo.

Covid-19 rappresenta la copertura ideale o la scusa ideale, l’innesco ideale. Il virus distrae l’opinione pubblica. Ma in realtà se guardiamo a quelli che sembrano piccoli segnali, ci accorgiamo di come siano, invece, dei cannoni, cannoni di guerra.

Quando Covid-19 è arrivato a cambiare le nostre vite in pochi si sono resi conto che quel virus avrebbe potuto cambiare anche gli equilibri di forze a livello internazionale e di come l’Italia rappresentasse l’epicentro di quel violento cambiamento.

Viviamo un momento buio. Triste. Nonostante il sole, il clima tiepido ci sentiamo come se non avessimo più niente. Ci è stata tolta la libertà di poterci muovere, di decidere delle nostre vite LIBERAMENTE, e le mascherine tendono a trasformarsi in una sorta di BAVAGLIO da cui faremo fatica a liberarci. Tra un pò ci doteranno anche di BRACCIALETTO ELETTRONICO ridisegnato a mo di app nei nostri cellulari ed il nostro stato di prigionia sarà certificato. Magari oggi sarà nel nostro interesse, ma domani? Di questo però voglio parlare in un’altra occasione.

Sembra si sia perso tutto, perfino la religione. Oggi è Pasqua, una settimana fa era la domenica delle Palme. Se n’è accorto qualcuno? Le mie figlie mi chiedono se quest’estate andranno al mare ed io non so cosa rispondere. Alcuni cominciano tirare la cinghia, i conti non possono tornare i soldi che dovrebbero sanare i bilanci di imprese e famiglie non si vedono neanche con il cannocchiale e non si sa se e quando arriveranno.
Eppure sono stati sbandierati interventi straordinari. 400Mld in Italia, 500mld dopo la notte dei lunghi coltelli in Europa. Ma di quelli dell’Unione l’Italia potrà prenderne al massimo 35 mld, e senza le garanzie europee anche i 400mld promessi all’interno chi potrà garantirli?

A meno che non si voglia davvero usare la riserva rappresentata da CDP. Ma bisognerebbe avvisare comunque i milioni di risparmiatori che di quei 436 mld depositati in Cassa Depositi e Prestiti sono gli effettivi proprietari.

Dal punto di vista dei conti pubblici siamo un paese povero. In Europa peggio di noi c’è solo la Grecia.

Ma se aggiungiamo il risparmio ecco che la nostra condizione cambia di colpo come evidenziato dal grafico di questo recentissimo documento della BCE.

Torniamo agli equilibri internazionali. Con l’Italia in difficoltà sanitaria è la Cina a far sentire per prima la sua “voce amica”.

https://www.lastampa.it/cuneo/2020/03/13/news/coronavirus-arrivate-tonnellate-di-materiale-per-l-emergenza-inviate-in-aiuto-dalla-cina-1.38587917?refresh_ce

Qui uno dei tanti articoli (la Stampa) che evidenziano come la “solidarietà Cinese” con pacchi di materiale in arrivo sulla “via della seta”, rappresenti uno dei pochi supporti al nostro Paese. La solidarietà è ben accetta ed aiuta chi è in difficoltà. Sugli scatoloni in arrivo da Pechino campeggiano scritte che evidenziano l’attenzione del Paese asiatico all’Italia. In Italia, e non solo, l’eco è forte.

E’ il 13 marzo.

Il giorno dopo. Il 14 Marzo, sarà un caso?

Dagli Stati Uniti Trump fa sentire la sua voce. Lo fa attraverso un tweet.

Gli Stati Uniti amano l’Italia”  scrive.

Al messaggio allega un video delle Frecce Tricolori (aerei militari) che sfrecciano nel cielo accompagnate dal “Nessun Dorma”.

Nessun dorma! Nessun dorma!

Tu pure, oh Principessa

Nella tua fredda stanza

Guardi le stelle che tremano

D’amore e di speranza

Ma il mio mistero è chiuso in me

Il nome mio nessun saprà

No, no, sulla tua bocca lo dirò

Quando la luce splenderà

Ed il mio bacio scioglierà

Il silenzio che ti fa mia

(ll nome suo nessun saprà

E noi dovrem, ahimè, morir, morir)

Dilegua, oh notte

Tramontate, stelle

Tramontate, stelle

All’alba vincerò

Vincerà

Vincerò

Non credo ci sia nulla di casuale. Dal testo del tweet, alle immagini delle frecce, alle parole cantate da Pavarotti. Insomma credo fosse un messaggio che chi doveva capire avrà capito.

Europa. Intanto va in scena l’Euro-disastro. Lagarde prima, ministri delle finanze poi. L’Europa implode, poi prova a rialzarsi, ma ogni nuovo tentativo è peggiore del precedente. Domani i mercati ci diranno cosa pensano dell’accordo in cui tutti dicono aver raggiunto grandi obiettivi, ma che di fatto, non hanno prodotto risultati importanti.

L’Italia si vincola al MES. Questo è un dato di fatto.

Come testimoniato dalle prossime righe:

Gli analisti di Mps Capital Services evidenziano che la parte dell’accordo Ue che sta facendo più discutere è al punto 16 dove si dice che “Successivamente (alla crisi di COVID 19), gli Stati membri dell’Eurozona rimarranno impegnati a rafforzare i fondamentali economici e finanziari, coerentemente con la struttura di coordinamento e sorveglianza economica e fiscale dell’UE.” Insomma il debito va fatto ma con moderazione e senza troppe libertà.  

Qui il documento completo:

http://www.mpscapitalservices.it/NR/rdonlyres/7A66FE4C-726A-4212-8D09-6A3D4C74204F/85616/Daily_20200410.pdf

Insomma la certezza è che ci saremo infilati in un ginepraio e per poco meno di 35 mld.

Ma intanto emergono altri retroscena dell’Euro-vicenda. A scoprire tutto Alessandro Plateroti, editorialista de IlSole24Ore. Che nel corso della trasmissione “Quelli delle Ventidue” spiega perchè i paesi del Nord Europa, Olanda su tutte, non potevano permettersi la sottoscrizione di Euro Bond.

https://www.leopoldogasbarro.it/2020/04/10/quelli-delle-ventidue-perche-olanda-e-contro-gli-eurobond/

Le banche Olandesi, in difficoltà con i mutui non potrebbero permettersi neanche piccoli rialzi dei tassi d’interesse perché rischierebbero di non avere le garanzie patrimoniali.

Quindi, scordiamoci gli Euro Bond.

Intanto. Intanto in Italia i toni si accendono. La politica litiga. Per cosa? Per quali interessi non dichiarati? I toni salgono in tutto il Paese. La gente è disorientata. Il bel tempo, la Pasqua.

Molti escono di casa. Senza prospettive chiare, senza comunicazioni efficaci tutti fanno quello che vogliono. Siamo in piena anarchia. Qui ha ragione chi urla di più o chi medita in silenzio su cosa fare?

O chi fa davvero?

La notte della vigilia Pasquale. I giorni passano senza soluzione di continuità. C’è chi lavora e tanto, chi invece passa le giornate poltrendo. Quando e se usciremo di casa saremo tutti più stanchi, più nervosi, un pò in sovrappeso. Chiusi obbligatoriamente sotto lo stesso tetto tanti rapporti si frantumeranno, altri magari si rinsalderanno.
E’ Pasqua, dicevamo. In questi giorni arrivano centinaia di messaggi di auguri, con qualcuno ti fermi a scambiare più di qualche semplice formalità. Sono quasi due mesi che manco da Milano.
Mi manca, mi manca il rapporto con la città, con amici che fanno parte della mia vita ormai da 20 anni. Soprattutto mi straziano le notizie che molti di loro mi raccontano.
E’ così che casualmente, parlando con Vincenzo, scopro l’esistenza di un ospedale da campo costruito dai militari americani. Non ne avevo sentito parlare. Ma scopro che a Cremona la presenza statunitense  è particolarmente nutrita, utile, efficace.

E’ qualche giorno che ci penso. Tutti gli occhi sono sull’Italia. Mentre all’interno si consuma un’inguardabile lotta intestina alla politica, fuori, fuori, in tanti giocano a comprendere cosa ne sarà dell’Italia.
Me lo chiedo anch’io da qualche settimana. Mi chiedo anche, in questo scacchiere internazionale, dall’interno dove si spinga, per cosa e con quali potenziali alleanze. Oggi è Pasqua e c’è un sole che spacca le pietre.
Le persone sono disorientate. Non c’è un progetto. Si esce, no non si esce. Posso portare mia figlia con me? No Non posso portarla. Mia figlia no ma il cane sì.

E poi mascherina sì o mascherina no quelle mascherine che dovrebbero essere ad ogni angolo delle strade ed invece sono bloccate, ci dicono, da iter burocratici insopportabili.

E’ notte inoltrata.

Faccio un giro su LinkedIn.

L’amico Sergio Albarelli, pubblica un post che mi porta fino al sito della Casa Bianca. Leggo e rimango esterrefatto.

Gli altri litigano, non si capiscono, qualcuno pensa di approfittare della situazione per comprarsi aziende italiane a 4 soldi, qualcuno manda mascherine e materiali.

Gli Stati Uniti stanno passando le pene dell’inferno. Covid-19 picchia duro. Le immagini delle bare bianche sepolte in fosse comuni fa il giro del Mondo. E Trump cosa fa?

Leggete cosa fa…

Il personale americano di stanza in Italia offrirà assistenza nella lotta all’epidemia di Covid-19”. L’ annuncio è del segretario di Stato americano Mike Pompeo. Ma si tratta pur sempre di una dichiarazione. Torno sul sito della  White House tra i tanti documenti presenti c’è n’è uno recentissimo che porta la firma del presidente americano Donald Trump. In otto punti una serie di aiuti pratici ed economici all’Italia.

Qui trovate il link.

https://www.whitehouse.gov/presidential-actions/memorandum-providing-covid-19-assistance-italian-republic/

Per comodità vi riporto anche la traduzione in italiano.

Memorandum sulla fornitura di assistenza COVID-19 alla Repubblica italiana

 POLITICA ESTERA

Rilasciato il: 10 aprile 2020

MEMORANDUM PER IL SEGRETARIO DI STATO
DEL SEGRETARIO DEL TESORO
IL SEGRETARIO DI DIFESA
DEL SEGRETARIO DI COMMERCIO
IL SEGRETARIO DI Salute e Servizi Umani
IL SEGRETARIO DI Homeland Security
l’assistente del presidente per NAZIONALE
SICUREZZA GLI AFFARI
l’assistente del presidente per ECONOMICA
POLITICA
L’AMMINISTRATORE DELL’AGENZIA FEDERALE PER LA
GESTIONE DELL’EMERGENZA
IL PRESIDENTE DELLA BANCA DI ESPORTAZIONE / IMPORTAZIONE DEGLI
STATI UNITI
L’AMMINISTRATORE DELL’AGENZIA DEGLI STATI UNITI PER
LO SVILUPPO INTERNAZIONALE
IL DIRIGENTE AMMINISTRATORE DEGLI STATI UNITI
INTERNATIONAL DEVELOPMENT FINANCE CORPORATION

SOGGETTO: Fornire assistenza COVID-19 alla Repubblica italiana

Dall’autorità conferita a me in qualità di presidente dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti d’America, è così ordinato:

Sezione 1 .  Politica. La Repubblica italiana (Italia), uno dei nostri alleati più vicini e più vecchi, viene devastata dalla pandemia di COVID-19, che ha già causato più di 18.000 vittime, ha portato gran parte del sistema sanitario italiano sull’orlo del collasso e minaccia di spingere l’economia italiana in una profonda recessione. Il governo italiano ha richiesto l’assistenza degli Stati Uniti. Sebbene la responsabilità principale del governo degli Stati Uniti sia nei confronti del popolo americano, venire in aiuto dell’Italia aiuterà a combattere l’epidemia di COVID-19 e mitigherà l’impatto della crisi, dimostrando allo stesso tempo la leadership degli Stati Uniti di fronte a cinesi e russi campagne di disinformazione, riducendo il rischio di reinfezione dall’Europa negli Stati Uniti e mantenendo le catene di approvvigionamento critiche.

Sec . 2 .  Supporto da parte di organizzazioni internazionali pubbliche e organizzazioni non governative. Il Segretario di Stato e l’Amministratore dell’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (Amministratore USAID), in consultazione con le ambasciate e le missioni degli Stati Uniti, tra cui la Missione degli Stati Uniti in Italia, l’Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede e gli Stati Uniti La missione degli Stati presso le agenzie delle Nazioni Unite a Roma, identificherà le organizzazioni internazionali pubbliche e le organizzazioni non governative (ONG), comprese le organizzazioni di fede, che sono posizionate per supportare l’Italia e le comunità italiane rispetto alla crisi COVID-19 in Italia, e dare la priorità all’azione dell’agenzia come il Segretario di Stato e l’amministratore USAID ritengono necessari e appropriati per attuare questo memorandum.

Sec . 3 .  Contributo di attrezzature e forniture . Per far fronte all’urgente necessità dell’Italia di attrezzature e forniture mediche per rispondere allo scoppio di COVID-19, ed escludere la fornitura di articoli che il Segretario per la salute e i servizi umani o il Segretario per la sicurezza interna sono necessari per la risposta nazionale della nostra nazione al COVID -19 crisi:

a) il segretario al commercio, in consultazione con il segretario della sanità e dei servizi umani e con il segretario della sicurezza interna, operando attraverso l’amministratore dell’Agenzia federale di gestione delle emergenze, agevola, se del caso, i contatti tra le autorità italiane e gli Stati Uniti le società e, se del caso, incoraggiano i fornitori degli Stati Uniti a condurre vendite commerciali di articoli richiesti dalle autorità italiane o dagli operatori sanitari;

(b) il Segretario alla Difesa identificherà le forniture in eccesso non letali disponibili che potrebbero essere trasferite al Segretario di Stato per la distribuzione a fini umanitari in Italia;

(c) l’amministratore USAID, in coordinamento con il segretario per la salute e i servizi umani, identifica le ONG appropriate e le organizzazioni pubbliche internazionali in grado di fornire le forniture e le attrezzature necessarie per l’Italia e dà la priorità alle azioni dell’agenzia come l’amministratore USAID ritiene necessarie e appropriate per implementare questo memorandum; e

(d) il Segretario di Stato incoraggerà le società e le ONG presenti in Italia, comprese le organizzazioni di fede, a donare attrezzature e forniture mediche all’Italia.

Sec . 4 .  Utilizzo della presenza esistente del Dipartimento della Difesa in Italia . Alla luce degli oltre 30.000 membri del personale militare e delle persone a carico degli Stati Uniti in Italia, il Segretario alla Difesa dovrà, senza mettere a repentaglio la prontezza o la salute della forza, senza sminuire la risposta interna della nostra nazione alla crisi COVID-19 e coerente con limitazioni politiche in questo memorandum, mettono a disposizione personale e strutture per assistere l’Italia nella sua risposta a COVID-19:

(a) fornire servizi di telemedicina agli ospedali italiani;

(b) agevolare il trasporto e l’installazione di ospedali da campo e attrezzature di risposta fornite da fonti non governative degli Stati Uniti;

(c) agevolare il trasporto di forniture, carburante e cibo;

(d) curare, mediante rinvio e in consultazione con il comandante della struttura medica, i pazienti italiani non COVID-19 (con particolare attenzione ai primi soccorritori civili e militari) presso le strutture degli Stati Uniti;

(e) fornire supporto al Centro operativo militare civile italiano al fine di garantire una risposta coordinata alla pandemia di COVID-19; e

(f) offrire, se del caso, servizi di evacuazione medica militare-militare gestiti dagli Stati Uniti per pazienti non COVID-19.

Sec . 5 .  Supporto tecnico . Alla luce delle collaborazioni in corso tra il Dipartimento della sanità e dei servizi umani e il settore sanitario italiano, il Segretario della sanità e dei servizi umani, in consultazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti a Roma, fornisce supporto tecnico, come appropriato e coerente con la legge applicabile, assistere nella risposta alla pandemia di COVID-19 in Italia.

Sec . 6 .  Sostegno alle imprese italiane . Il Segretario di Stato, l’Amministratore USAID e il Presidente della Export-Import Bank degli Stati Uniti, in consultazione con il Segretario del Tesoro, il Segretario al Commercio, il Segretario alla Salute e ai Servizi Umani, il Segretario alla Sicurezza Nazionale e l’Amministratore delegato della International Development Finance Corporation degli Stati Uniti, possono utilizzare le autorità disponibili per sostenere la ripresa dell’economia italiana, se del caso e coerentemente con le limitazioni politiche contenute nel presente memorandum.

Sec . 7 .  Limitazione . Tutto il supporto e l’assistenza affrontati in questo memorandum sono soggetti alla limitazione che non devono essere forniti se riducono i requisiti nazionali attualmente esistenti o che potrebbero sorgere in futuro per rispondere alla diffusione di COVID-19 negli Stati Uniti.

Sec . 8 .  Disposizioni generali . (a) Nulla in questo memorandum deve essere interpretato per compromettere o influenzare in altro modo:

(i) l’autorità concessa dalla legge a un dipartimento esecutivo o agenzia, o il capo di essa; o

(ii) le funzioni del direttore dell’Ufficio di gestione e di bilancio relative a proposte di bilancio, amministrative o legislative.

(b) Il presente memorandum deve essere attuato in conformità della legge applicabile e soggetto alla disponibilità di stanziamenti.

(c) Il presente memorandum non intende e non crea alcun diritto o beneficio, sostanziale o procedurale, applicabile in base alla legge o in equità da qualsiasi parte contro gli Stati Uniti, i suoi dipartimenti, agenzie o entità, i suoi funzionari, dipendenti o agenti o qualsiasi altra persona.

DONALD J. TRUM

Che dire?

GOD BLESS AMERICA?

Buona Pasqua