Giornata indecisa in Europa

8 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si conclude una seduta caratterizzata da elevata incertezza sulle principali borse europee, vista anche la titubanza di Wall Street nel pomeriggio. In una giornata caratterizzata da scarsi eventi rilevanti, i mercati stanno ancora riflettendo sulle statistiche Usa sul mercato del lavoro migliori delle attese diffuse venerdì. Nel frattempo sembra che la Commissione europea sarebbe pronta a formalizzare al più presto la proposta di creazione di un Fondo monetario europeo di sostegno per i paesi europei colpiti dalla crisi, come la Grecia. Questo è quanto avrebbe detto il commissario Ue agli affari economici, Olli Rehn, alla vigilia della riunione della Commissione che domani discuterà anche di questo tema. L’euro risulta debole contro il dollaro a 1,361 mentre indietreggia il petrolio newyorkese a 81,3 dollari al barile. Bruxelles ha chiuso con un ribasso dello 0,36% a 2601,66 punti, Zurigo con un lieve incremento dello 0,1% a 6854,3 punti, Parigi con uno svantaggio dello 0,2% a 3902,42 punti ed Amsterdam con un calo dello 0,21% a 337,96 punti. Francoforte lima lo 0,06% a 5873,78 punti, Londra sale dello 0,08% a 5604,18 punti mentre Madrid migliora dello 0,53% fermandosi a quota 11078,7. A livello settoriale i chimici e le auto perdono mezza frazione di punto mentre i retail si avvantaggiano dello 0,40%.