Gas: Germania introduce una maxi tassa a carico dei cittadini

18 Agosto 2022, di Alessandra Caparello

La Germania ha lavorato duramente per rifornirsi di gas per l’inverno – ed è in anticipo rispetto ai tempi previsti. I governi europei si stanno affannando a riempire i depositi sotterranei di gas per fornire alle famiglie combustibile sufficiente a mantenere le case calde durante l’inverno. Tutto dopo che la Russia ha ridotto drasticamente le forniture di gas naturale all’Europa, con flussi attraverso il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania che attualmente opera ad appena il 20% dei volumi concordati.

“Lo stoccaggio del gas non è sufficiente. È necessaria anche una riduzione della domanda”, ha dichiarato Andreas Schroeder, responsabile dell’analisi energetica di ICIS, un servizio di intelligence sulle materie prime.

Guardando alla Germania, la prima economia della zona euro, gli impianti di stoccaggio di gas naturale hanno superato il livello di riempimento di oltre il 75% questo mese, con due settimane di anticipo rispetto al previsto.
Il governo del cancelliere Olaf Scholz aveva inizialmente previsto che i livelli di stoccaggio del gas raggiungessero il 75% entro il 1° settembre. I prossimi obiettivi sono l’85% entro il 1° ottobre e il 95% entro il 1° novembre.

Germania introduce tassa sul gas a carico dei cittadini

Ma anche se la Germania dovesse superare senza traumi l’inverno, il problema potrebbe ripresentarsi nella primavera dell’anno prossimo, quindi l’incertezza c’è e le aziende sono preoccupate. Nel frattempo, l’operatore del mercato del gas tedesco, Trading Hub Europe, ha annunciato che le famiglie a livello nazionale dovranno pagare quasi 500 euro (507,3 dollari) in più all’anno per il gas. Trading Hub Europe infatti ha dichiarato di aver fissato la tassa a 2,419 centesimi di euro per chilowattora (kWh). Il prelievo sarà imposto a partire dal primo ottobre e rimarrà in vigore fino all’aprile 2024, nel tentativo di aiutare Uniper – il principale importatore di gas russo del Paese – e altri importatori a far fronte all’impennata dei prezzi. Per una famiglia media di quattro persone, la tassa dovrebbe significare un costo aggiuntivo annuale di quasi 500 euro.

“L’alternativa sarebbe stata il collasso del mercato energetico tedesco, e con esso di gran parte del mercato energetico europeo”, ha commentato il ministro dell’Economia Robert Habeck, assicurando che il modello energetico tedesco, dipendente dalla Russia, è fallito e non tornerà. “Dobbiamo cambiare e nel farlo, a volte dobbiamo prendere una medicina amara”, ha detto Habeck.

La corsa dell’Europa a risparmiare abbastanza gas per superare i mesi più freddi arriva in un momento di prezzi alle stelle. L’impennata dei costi energetici sta facendo lievitare le bollette delle famiglie, spingendo l’inflazione al livello più alto degli ultimi decenni e comprimendo la capacità di spesa dei cittadini. Fino a poco tempo fa, la Germania acquistava più della metà del suo gas dalla Russia. Ora il governo sta lottando per sostenere le forniture invernali di gas, nel timore che Mosca possa presto chiudere completamente i rubinetti.

“Penso che ci siano buone probabilità che la Germania raggiunga il 90% di capacità di stoccaggio entro l’inizio dell’inverno, ma questo non è ancora sufficiente per evitare una carenza di gas”, ha dichiarato martedì a “Squawk Box Europe” della CNBC Marcel Fratzscher, presidente dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW). “Anche se la Germania dovesse superare l’inverno, il problema potrebbe presentarsi nella primavera del prossimo anno, quindi l’incertezza è presente e le aziende sono preoccupate”, ha detto Fratzscher. “L’incertezza è un veleno per l’economia. Le aziende investono meno, i consumatori consumano meno – e quindi il risultato è che stiamo assistendo a un massiccio rallentamento dell’economia tedesca”, ha aggiunto.

E gli altri Paesi dell’UE?

Secondo Zongqiang Luo, analista presso la società di consulenza energetica Rystad Energy, solo Francia, Spagna e Italia sono paragonabili in termini di dimensioni del loro consumo di gas alla Germania, ma la dipendenza della Francia dalla produzione nucleare per la generazione di energia, l’uso della Spagna di terminali di importazione di GNL e la dipendenza della Spagna e dell’Italia dalle esportazioni di gas algerino li rendono tutti diversi dalla Germania.

Gli impianti di stoccaggio di gas della Francia erano pieni per quasi l’87%, mentre le scorte di Spagna e Italia erano rispettivamente dell’81% e del 77% circa.

“Quindi, rispetto al piano di stoccaggio della Germania con questi tre Paesi, Italia, Francia e Spagna, direi che finora la Germania ha fatto un buon lavoro”, ha detto Luo. “Ma vediamo come riusciranno a raggiungere l’obiettivo nei prossimi due mesi”, ha aggiunto. “Tutto ciò sarà molto, molto critico per il prossimo inverno”.