G20 anti-crisi. In arrivo interventi coordinati

23 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Washington – Le più grandi economie al mondo confermano il loro impegno nel prevenire che la crisi del debito in Europa vada a colpire i mercati e il sistema bancario. Con gli investitori sempre più intimoriti (forti sell ieri a Wall Street sul rischio recessione), i ministri delle Finanze dei paesi G20 e i vari banchieri centrali hanno detto di essere disposti a prendere tutte le misure necessarie per ripristinare la fiducia, seppur non annunciando alcuna misura specifica.

“Ci impegniamo a prendere tutte le misure necessarie per preservare la stabilità del sistema bancario e dei mercati finanziari”, si legge nel comunicato del G20, emesso dopo il meeting nella quale si è discusso sulla crisi del debito in Europa. L’impegno è quello di garantire “risposte forti e coordinate a livello internazionale per fare fronte alle nuove sfide dello scenario economico globale”.

Nell’incontro si è evidenziato “un crescente rischio di ribasso (per il sistema economico globale), a causa della continua pressione sul problema debiti sovrani, della fragilità del sistema finanziario, delle turbolenze nel mercato, della crescita economica a rilento e del continuo aumento del tasso di disoccupazione”.

L’impegno è dunque quello di lavorare insieme (economie industrializzate e paesi in via di sviluppo) per supportare la crescita ed implementare “piani credibili di consolidamento fiscale”. Questo richiederà “un segnale chiaro e congiunto, dove ognuno dovrà fare la sua parte”.