FUTURES USA: PROSEGUE IL RALLY A NEW YORK

11 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono in progresso (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un’estensione del rally per l’azionario.

Alla base del rialzo c’e’ ancora l’entusiasmo generato dalla banca Citigroup nella giornata di ieri per essere tornata a generare profitti all’inizio dell’anno, dopo un periodo nero che aveva costretto Washington a piu’ interventi per garatnirne la sopravvivenza. Alcuni possibili cambiamenti nella vendita allo scoperto
dei titoli quotati sta offrendo ugualmente supporto alle borse.

Jim Raid, credit strategist di Deutsce Bank, sottolinea il fatto che Citi non e’ stato il solo istituto finanziario ad annunciare un ritorno degli utili. “I margini sono in aumento e la concorrenza nel settore si e’ ridotta. Cio’ significa che nel primo trimestre assisteremo ad un buon rialzo dei profitti per diverse banche”. Raid ha pero’ aggiunto che “e’ ancora da considerare il modo in cui saranno valutati gli asset illiquidi in bilancio, sperando che non controbilancino o superino la profittabilita’ del core business”.

Nel preborsa, il titolo Citigroup avanaza +11% dopo essere schizzato di quasi il 40% nella giornata di ieri. JP Morgan e Goldman Sachs salgono del 2% circa, +4% per Wells Fargo, +6.26% per Bank of America.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in calo il greggio. I futures con consegna aprile segnano un ribasso di $0.70 a $45.01 al barile. Sul valutario, avanza l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.2751. In progresso l’oro a $902.70 l’oncia (+$6.80). Stabili i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ fermo al 2.99%.

Alle 13:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in rialzo di 8.20 punti (+1.15%) a 724.20.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +13.25 punti (+1.20%) a 1119.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 60 punti (+0.87%) a 6947.00.