Future Usa sopra la parita’

5 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Quando manca un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni i futures Usa viaggiano sopra i livelli di parita’, (vedi quotazioni a fondo pagina), preannunciando una partenza con il segno piu’. Il tutto all’indomani della peggiore seduta in un mese.

A livello macro, la giornata prevede il dato sull’ISM non manifatturiero relativo al mese di settembre. “Dopo il dato deludente dell’ISM manifatturiero della settimana scorsa, gli esperti guardano con attenzione al dato odierno, principale fattore che puo’ condizionare il mercato” ha dichiarato a MarketWatch Francois Savary, economista e direttore investimenti di Reyl Group. L’appuntamento clou e’ comunque per venerdi’ con il rapporto governativo del lavoro.

Sul fronte societario c’e’ attesa per l’inizio della stagione delle trimestrali caratterizzato, come sempre, dai numeri del colosso dell’alluminio Alcoa (previsti giovedi’).

Intanto si guarda ancora una volta all’ Irlanda con Moody’s che ha messo sotto osservazione il rating.

Per proteggere il tuo patrimonio, segui INSIDERSe non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora

Sul fonte delle banche centrali, quella del Giappone ha praticamenta azzerato il costo del denaro portando I tassi nel range 0-0.1% dallo 0.1%.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures sul petrolio con consegna novembre avanzano dello 0.54% a $81.91 il barile. Il derivato con scadenza dicembre dell’oro segna +0.80% a $1327.40 l’oncia. Sul fronte valutario l’euro avanza dello 0.62% a quota $1.3771. Quanto ai Treasury, il rendimento sul decennale e’ in calo al 2.45% dal 2.479% di ieri.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 scambia in rialzo dello 0.18% a quota 1139.80.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 avanza di 6 punti a 1983 (+0.30%).

Il contratto sull’indice Dow Jones registra un +14 punti a quota 10721 (+0.13%).