Firmato il più grande accordo commerciale del Mondo

15 Novembre 2020, di Leopoldo Gasbarro

Firmato il più grande accordo commerciale del Mondo

La notizia è di quelle che possono cambiare radicalmente la storia del Mondo nei prossimi anni e, forse, anche la storia di ciascuno di noi. Arriva direttamente da Bloomberg, ecco cosa scrivono da Londra.

“Le nazioni dell’Asia del Pacifico, tra cui Cina, Giappone e Corea del Sud, hanno firmato il più grande accordo di libero scambio regionale del mondo, che comprende quasi un terzo della popolazione mondiale e del prodotto interno lordo.
Gli alti funzionari di 15 nazioni che includono anche l’Australia, la Nuova Zelanda e i 10 membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico hanno firmato il Regional Comprehensive Economic Partnership, o RCEP , dopo quasi un decennio di preparativi,  l’ultimo giorno del 37 ° Asean, Vertice ospitato virtualmente dal Vietnam.  L
‘accordo contribuirà a “sviluppare le catene di approvvigionamento che sono state interrotte a causa della pandemia, nonché a sostenere la ripresa economica”.

Un minimo di sei paesi Asean in aggiunta a tre partner non Asean devono ratificare l’accordo RCEP affinché entri in vigore, ha detto ai giornalisti Chan Chun Sing, ministro del Commercio e dell’Industria di Singapore dopo la firma. Singapore prevede di approvare l’accordo “nei prossimi mesi”, ha dichiarato.

I vantaggi per l’Italia

Secondo Michele Geraci, professor of practices in Economic Policies alla Nottingham University a Ningbo e adjunct professor alla New York University a Shanghai “Paesi diversi, ed anche rivali politicamente e commercialmente tra loro trovano il coraggio di capire che il benessere comune supera le divergenze passate. La presenza di Cina, Giappone e Corea (rivali storici), ma anche di Australia con cui la Cina ha avuto turbolenze in un unico accordo, è sensazionale e cambierà gli equilibri mondiali del commercio”.
“Per l’Italia è una buona notizia, certamente non dobbiamo essere immobili e il nostro Governo deve stimolare e favorire i rapporti commerciali – prosegue Geraci – visto che il nostro export totale è di 43 miliardi di dollari in questi 15 Paesi. Abbiamo una forte crescita in Giappone (13%) con cui abbiamo firmato accordi di libero scambio già in vigore dallo scorso anno che sta producendo i suoi primi frutti. Il Vietnam è ancora problematico nonostante abbiamo altri accordi, il nostro Pese deve essere dinamico e non dormiente, questa nuova alleanza può permetterci di penetrare più facilmente gli altri mercati dell’area asiatica”.
Per Geraci  poi “geopoliticamente questo sensazionale accordo commerciale è una vittoria per la Cina e l’Asia Pacifico. Si nota chiaramente che, l’occidente è necessario, ma questi territori asiatici possono procedere in autonomia, questo sarà il tema dei prossimi 5 anni, ed il significato della ‘Dual Circulation’ di cui parla Xi. L’accordo di oggi è la prima pietra di questo Dual Circulation. A breve si aggregherà anche l’India”.