Fed vede grigio sul futuro dell’economia Usa, si allunga ombra recessione

10 Ottobre 2019, di Mariangela Tessa

L’economia Usa resta in buona salute, ma il futuro appare incerto per via di “maggior incertezza commerciale, prospettive sulla crescita economica più deboli e rischi geopolitici intensificati”. È quanto emerge dai verbali dell’ultima riunione della banca centrale statunitense, tenutasi il 17 e 18 settembre, che evidenzia come i rischi per l’economia statunitense siano “aumentati rispetto a luglio”.

Durante l’ultimo meeting si è parlato anche di una possibile recessione, con diversi funzionari della Fed che hanno sottolineato che le probabilità di una contrazione dell’economia “sono notevolmente aumentate negli ultimi mesi”. Le minute non hanno fornito grandi indicazioni sulle future scelte della Fed. La prossima riunione della banca centrale è in programma alla fine del mese e gli investitori si aspettano un nuovo taglio dei tassi.

A metà settembre il costo del denaro è stato tagliato di 25 punti base (all’1,75-2%) per la seconda volta nell’anno, dopo il taglio del 31 luglio, il primo dal dicembre del 2008. Decisione, quella di settembre, non all’unanimità, visto il voto contrario di tre membri: Esther George ed Eric Rosengren, presidenti rispettivamente della Fed di Kansas City e della Fed di Boston, avrebbero voluto mantenere i tassi stabili; James Bullard, presidente della Fed di St. Louis, avrebbe invece voluto un taglio di 50 punti base.

Per il momento, l’economia americana è in buone condizioni e la banca centrale Usa deve fare il possibile per far in modo che la situazioni non cambi. Lo ha evidenziato sempre ieri il governatore della Federal Reserve Jerome Powell assicura in intervento ad un evento a Kansas City (Missouri), nel quale ha aggiunto che il compito della Fed è quello di mantenere ‘il più a lungo possibile’ l’economia americana in ‘un buono stato’, nonostante la presenza di alcuni rischi di lungo termine.

Nel frattempo, per fronteggiare gli stress presenti sui mercati monetari, la Fed ha continuato a iniettare liquidità nel mercato monetario statunitense nel tentativo di abbassare il tasso sulle operazioni di rifinanziamento a breve termine e fronteggiare la sete di liquidità delle banche e istituzioni finanziarie. Ieri la Federal Reserve di New York, che agisce per conto di quella centrale, ha immesso altri 30,8 miliardi di dollari, riflettendo quanto richiesto dalle banche per coprire il loro fabbisogno a breve termine.

La banca centrale americana ha iniziato ad effettuare questo tipo di operazioni lo scorso 17 settembre con lo scopo di ‘mantenere i tassi di riferimento sui federal funds entro la fascia target tra il 2% e il 2,25%’.