FBI, trovati in un museo file che proverebbero esistenza UFO

28 Settembre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – L’FBI è preoccupata per l’apertura dell’Hakui Centre for UFO Research in Giappone, dopo che alcuni dipendenti del museo hanno trovato documenti scottanti, che proverebbero l’esistenza di oggetti volanti non identificati.

Dai file emerge che l’agenzia investigativa Usa ha trovato tre dischi volanti del diametro di 15 metri contenenti tre esseri di forma umana, ma alti appena un metro e con addosso abiti metallici di spessore molto sottile.

Secondo il Journal Telegraph, nel rapporto si legge che “un investigatore dell’Air Forces sostiene che i tre oggetti siano stati trovati in New Mexico” ma che non se ne sia mai saputo nulla.

Il governo Usa dispone di potenti radar, che avrebbero potuto identificare e mandare in tilt gli oggetti volanti.

(Cba)