Fauci lancia l’allarme: “Coronavirus è mutato ed è più contagioso”

3 Luglio 2020, di Alessandra Caparello

Mentre negli Stati Uniti si registrano in appena 24 ore circa 40mila nuovi casi di contagio da coronavirus, il consulente sanitario della Casa Bianca Anthony Fauci lancia l’allarme. Il virus può essere già mutato e diventato più contagioso.

La ricerca è in corso per confermare la possibile mutazione e le sue implicazioni, ha detto Fauci, aggiungendo che “c’è una piccola controversia al riguardo”. I virus mutano naturalmente e gli scienziati hanno già detto di aver osservato mutazioni minori nel coronavirus che non hanno influito sulla sua capacità di diffondersi o di causare il progredirsi della malattia in modo significativo.

Coronavirus: mutazione in corso?

La possibile mutazione che Fauci ha citato è stata riportata dagli ispettori del Los Alamos National Laboratory in un articolo pubblicato dalla rivista Cell e anche i virologi della Scripps Research in Florida hanno scritto sulla mutazione il mese scorso, dicendo che “migliora la trasmissione virale”. Non è chiaro quando la mutazione possa essersi verificata ma sottolinea Fauci “i dati mostrano che c’è una singola mutazione che rende il virus in grado di replicarsi meglio e forse di avere un alto carico virale”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e il suo team di ricercatori globali hanno osservato più di 60.000 diverse sequenze genetiche del coronavirus raccolte da campioni prelevati in tutto il mondo.
Tutti i virus si evolvono, o mutano, nel corso della loro vita. I virus RNA come il coronavirus mutano più rapidamente di alcuni altri virus, ha detto il mese scorso i funzionari dell’OMS ai giornalisti, perché a differenza del DNA umano, i virus RNA non hanno un “controllo naturale degli errori”, il che significa che il codice del virus non può correggersi da solo.

I nuovi casi negli USA sono aumentati in 40 dei 50 stati americani, ma 25 mila dei 55mila nuovi casi di contagio sono concentrati in quattro stati: Arizona, California, Florida e Texas. L’amministrazione Trump continua a sostenere che l’alto numero di casi sia dovuto al gran numero di test effettuati,  ma ora le parole del virologo Fauci gettano nuove ombre sulla pandemia.