Eurozona: continua la fase di deflazione

2 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Nonostante Mario Draghi continui a negarlo, facendo finta che il problema non sussista, l’area euro è impantanata in una fase di deflazione.

I consumatori non comprano a prezzi così bassi perché si aspettano che scendano ancora, mentre l’euro forte sta mettendo a dura prova le aziende esportatrici dei paesi meno virtuosi.

I prezzi alla produzione hanno registrato una nuova contrazione, pari allo 0,1 per cento rispetto al mese precedente secondo i dati diffusi da Eurostat.

Nel confronto su base annua i prezzi alla produzione hanno segnato un meno 1 per cento, attenuando il calo rispetto al meno 1,2 per cento del mese precedente.

Tornando ai dati mensili, Eurostat precisa che il maggior calo ha riguardato l’energia, gli altri raggruppamenti hanno segnato dinamiche invariate salvo i beni di consumo durevoli con un più 0,1 per cento.