Euro balza su rumor rialzo tassi Bce

10 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Le indiscrezioni secondo cui Mario Draghi e il board della Bce avrebbero discusso di un eventuale rialzo dei tassi di interesse nell’ultima riunione di politica monetaria mettono il turbo all’euro, che corre nei confronti di un dollaro Usa poco ispirato invece dopo i dati sul report occupazionale governativo americano, migliore delle attese per quanto riguarda la creazione di nuovi posti di lavoro ma deludente in riferimento all’andamento dei salari.

L’agenzia di stampa Bloomberg riporta che in seno al direttorio della Banca alcuni esponenti hanno vagliato la possibilità di imporre una stretta monetaria prima della fine del Quantitative Easing, ossia prima della fine dell’anno. L’euro, che già guadagnava sul dollaro Usa, ha subito fatto un gran balzo in avanti. L’azionario europeo ha ridotto i rialzi e i future sui Bund tedeschi sono scesi ai minimi di seduta.

Il braccio di politica monetaria della Bce ha preso in considerazione l’ipotesti di alzare i tassi prima del termine del programma di acquisto di titoli di Stato e bond societari da 1.500 miliardi di euro. Il 9 marzo, inoltre, il board della banca guidato da Draghi “ha discusso dei modi con cui comunicare e strutturare un’uscita dalle misure di stimolo monetario eterodosse”, ovvero un processo di tapering.