ENRICO CUCCHIANI BOCCONIANO DELL’ANNO

24 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Milano, 24 mag – Enrico Cucchiani, membro del management board del Gruppo Allianz SE, è il Bocconiano dell’anno 2006. Milanese, 57 anni, si è laureato con lode in Bocconi con una tesi sulle strategie dei gruppi multinazionali. A consegnare il riconoscimento è stato oggi Claudio Costamagna, presidente Alumni Bocconi, l’associazione dei laureati, in occasione dell’annuale convention degli alunni, alla quale è intervenuto anche Mario Monti, presidente dell’ateneo di via Sarfatti. Cucchiani, che raccoglie il testimone da Vittorio Grilli, direttore generale del Tesoro, è il 20esimo laureato a ricevere il prestigioso riconoscimento. Prima di lui, dal 1987, sono stati Bocconiani dell’anno, tra gli altri, i ministri Tommaso Padoa-Schioppa ed Emma Bonino, i banchieri Alessandro Profumo, Corrado Passera e Roberto Mazzotta, gli imprenditori Marco Tronchetti Provera ed Emma Marcegaglia, i manager Paolo Scaroni e Vittorio Colao, il vescovo di Pavia monsignor Giovanni Giudici. “Figure di primo piano nel panorama economico, politico e sociale, non solo italiano, che ben testimoniano i valori e la cultura bocconiana”, ha detto Costamagna, a sua volta Bocconiano dell’anno 2004. “Cucchiani è il simbolo dell’internazionalità della nostra università capace di portare la cultura italiana ai massimi vertici di importanti gruppi multinazionali”. Enrico Cucchiani, dopo la laurea in Bocconi, ha conseguito l’Mba a Stanford e svolto ricerche ad Harvard. Si è formato professionalmente presso la McKinsey, lavorando nelle sedi di Milano, Londra e New York, occupandosi prevalentemente del settore bancario. Prima di entrare a far parte del Lloyd Adriatico (gruppo Allianz) nel 1996, ha fondato una società di venture capital e ha diretto un gruppo operante nel settore dei beni di lusso. Dopo Stanford, ha lavorato nel dipartimento internazionale di una della maggiori banche americane.