Elezioni: le buonuscite da record dei grandi esclusi

28 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Dopo il risultato a sorpresa del 24-25 febbraio, non mancano i grandi nomi tra gli esclusi dal Parlamento. L’ex presidente della Camera Gianfranco Fini, il leader dell’ormai defunto partito Italia dei Valori, Antonio di Pietro, e uno dei candidati a diventare Presidente della Repubblica, Franco Marini, potranno pero’ consolarsi con liquidazioni super.

Il leader di Fli stacchera’ un assegno di 250 mila euro, Marini 174mila, Miccichè, Bocchino, e Paniz, uno degli avvocati alfieri di Berlusconi, incasseranno tutti una somma superiore ai 100mila.

Si chiama “assegno di fine mandato” e spetta di diritto a chi e’ stato in Parlamento. La cifra sale con l’aumentare degli anni di servizio da parlamentare e i soldi sono netti, ovvero non ci sono tasse da pagare.

Insomma, sembra proprio un’altra di quelle norme del regolamento che il Movimento 5 Stelle si proporra’ di “aggiustare” con l’obbiettivo di renderla piu’ equa. Guadagnandosi cosi’ ulteriori consensi tra la popolazione italiana massacrata dalle misure di rigore.

Alla liquidazione non hanno diritto solo gli “esclusi”, bensi’ anche i “pensionati volontari”, ossia quelli che si sono ritirati di proprio proposito. D’Alema e Livia Turco prenderanno piu’ di 200mila euro. Scajola, Pisanu e Dell’Utri? Tutti sopra quota 100 mila.

In un articolo oggi La Stampa spiega come si calcola la cifra: “consiste nell’80% dell’indennità lorda (10.435 euro alla Camera; 10.385,31 al Senato) moltiplicato per gli anni di mandato effettivi, o frazione superiore ai sei mesi. Ogni mese dallo stipendio dei parlamentari viene accantonata una quota da destinare a questo fondo (784,14 euro alla Camera e circa 695 al Senato), ma è vero anche che le cifre che incasseranno alla fine i parlamentari cessati dal mandato sono esentasse”.

Liquidazione degli esclusi

Gianfranco Fini: 250mila euro
Franco Marini: 174mila euro
Gianfranco Miccichè: 158mila euro
Italo Bocchino 141mila euro
Fernando Adornato: 122mila euro
Maurizio Paniz: 100mila euro
Emma Bonino: 60mila euro
Antonio Di Pietro: 58mila euro
Flavia Perina: 58mila euro
Giulia Bongiorno: 41mila euro

Liquidazione dei pensionati volontari

Massimo D’Alema: 217mila euro
Livia Turco: 217mila euro
Beppe Pisanu: 157 mila euro.
Marcello Dell’Utri: 141mila euro
Claudio Scajola: 141mila euro
Francesco Rutelli: 100mila euro
Pierluigi Castagnetti: 100mila euro
Walter Veltroni: 41 mila euro