DICHIARAZIONI FAI DA TE AL CONFINE SVIZZERO

16 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Berna, 16 apr – La Svizzera taglia il personale delle dogane e per l’adempimento delle formalità di ingresso delle merci si affida – come è consuetudine – alla buona fede dei viaggiatori. Entro la fine del mese presso circa 100 valichi di confine svizzeri saranno infatti installate le cosiddette “cassette delle dichiarazioni”. Grazie a queste cassette chi entra in Svizzera potrà dichiarare per iscritto le proprie merci, a condizione che queste non soggiacciano a limitazioni quantitative o a divieti né all’obbligo di certificati o autorizzazioni. In caso contrario dovranno rivolgersi al personale del Corpo delle guardie di confine presente presso i più importanti valichi. Nella cassetta delle dichiarazioni è a disposizione il modulo “Dichiarazione doganale nel traffico turistico”, in originale e due copie. L’originale del modulo, debitamente firmato, va staccato dalle copie, piegato e depositato nella cassetta delle dichiarazioni insieme alle quietanze. Il viaggiatore custodisce le copie. Queste servono da prova dell’avvenuta dichiarazione doganale in caso di un eventuale controllo all’interno del Paese da parte del Corpo delle guardie di confine. In tal caso una copia viene ritirata e il viaggiatore riceverà per posta l’importo dei tributi all’importazione da versare.