Corsa agli sportelli: dovremmo?

15 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Gli eventi delle ultime settimane hanno aggravato una situazione già in bilico. La probabilità di andare verso un collasso è reale e titoli come questo sarebbero privati della seconda parte. Si, perchè la corsa agli sportelli diventerebbe realtà. Qualcuno ha deciso di spostare l’attenzione sui derivati e di colpire Monte dei Paschi di Siena.

Questo succede oggi, a poco dalle elezioni e in un momento difficile per imprenditori, dipendenti, disoccupati. Ora se ne deve parlare perché è bene farlo, perché è il momento giusto!

Il derivato è solo uno degli strumenti utilizzato dalle banche per succhiare il sangue vitale delle imprese italiane, una delle manovre occulte per gonfiare il conto della banca stessa , trasferire i soldi dalle imprese al sistema bancario.

Ma questo è un argomento già vecchio, risaputo, in funzione da anni!
E nessuno sapeva? Incontriamo imprenditori che hanno sottoscritto derivati swap che sono stati imposti loro come contropartita all’annullamento dei fidi.
Venduti come assicurazioni contro l’oscillazione del tasso di interesse, si basano su formule incomprensibili e impossibili da interpretare.

Un altro inganno che sfrutta la debolezza di chi, in un momento come questo, ha bisogno di sopravvivere e di andare avanti con la propria attività. Purtroppo però tu firmi il derivato e stai firmando la tua condanna a morte! Il tasso scende e tu paghi, il tasso non si muove e tu paghi, il tasso sale e tu paghi.
Ma dov’è la copertura?

MPS ha sfruttato questo strumento per gonfiare le su e casse, MPS è il male, il marcio, una banca senza morale che cura solo i propri interessi e che non ha scrupolo alcuno. Invece tutto il resto del sistema è pulito, illibato, senza colpe e con un’etica invidiabile?

Non vogliamo difendere MPS, anzi spesso la attacchiamo, ma sappiamo che qualcuno ha deciso di parare di derivati e di attribuirli ad MPS. Siamo sicuri che Monte dei Paschi di Siena alla fine non subirà nessuno contraccolpo, sarà tutto messo a tacere da qui a poco, ma ora se ne deve parlare, per nascondere la malattia di tutto il sistema bancario che non è esente da colpe.

La verità è che i derivati sono stati proposti ed imposti a tutti gli imprenditori da tutte le banche, nessuna esclusa. Imprese che lavorano con lo stato e che non riescono a farsi pagare le fatture dagli enti locali, non sono vittime di politiche altrettanto sanguinose?

Ma come io lavoro per l’ASL, che mi paga dopo vari mesi e non riesco a rientrare della mia liquidità. Sono costretto a chiedere i soldi alla banca che mi fa firmare fidejussioni e che mi vende un derivato swap per farmi coprire dal rischio di oscillazione del tasso.

Inizio a pagare soldi per colpa di quella firmetta e non ho la capacità finanziaria per versare le imposte. Lo stato, il mio cliente, invia la cartella esattoriale e mi blocca i pagamenti perché non sono in regola con il versamento dei contributi. Ma di cosa stiamo parlando?

Il derivato swap è solo uno dei problemi di una spirale della morte nella quale molti si sono fatti travolgere. In tre righe ho espresso quello che è il cancro di questo paese, ma ora c’è il derivato swap e c’è solo MPS. Parliamo di queste cose da mesi, corriamo a destra e a sinistra per salvare situazioni come quelle che ho descritto, perché si può, ma ora il centro dell’attenzione deve essere spostato sui derivati.

Cosa dire di anatocismo e di usura bancaria, di mutui, di commissioni di massimo scoperto, di mutui fittizi, di cartelle esattoriali di Equitalia. Inutile parlare del problema, risolviamolo.

Ma ora ci sono le elezioni, andiamo a votare, andiamo ad eleggere chi ha permesso tutto questo, litighiamo perché di sinistra o di destra o forse del centro e non preoccupiamoci di salvare la realtà in cui noi viviamo.

Il governo tecnico fatto di uomini di banca forse non sapeva? I partiti politici con i loro interessi legati alle banche forse non sapevano? Ma non vedi che l’intento è catturare la nostra attenzione per ottenere ancora una volta il risultato desiderato?

Questo mondo è finto, è costruito, è manovrato dal potere, quello vero. Banche, politica e imperi aziendali che tramano, si accordano, modellano una realtà, come diceva un noto spot televisivo, “costruita intorno a te”. Ma questa realtà è la tua e la devi difendere.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Soluzionecrisi.it – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Soluzionecrisi.it. All rights reserved