Carige attende BlackRock: nel 2018 liquidità in crisi

10 Aprile 2019, di Alessandra Caparello

Il 17 aprile è in programma un cda di Banca Carige ma non si sa se entro quella data arriverà la proposta. Così il presidente del Fitd, Salvatore Maccarone, a margine della presentazione del libro del presidente della Bcc di Roma Francesco Liberati su BlackRock e il suo interesse per l’istituto ligure.

Stiamo aspettando la proposta di Blackrock su Carige (…) Noi il 17 aprile abbiamo in programma un cda, ma non so se entro quella data arriverà la proposta che va comunque istruita. In ogni caso, credo che la conversione del nostro bond da 318 milioni di euro sarà inevitabile (…) per procedere alla conversione del prestito, per il quale probabilmente Carige dovrà pagare anche la seconda cedola, lo schema volontario del Fondo dovrà convocare l’assemblea dei soci che è un meccanismo complesso. Purtroppo lo schema volontario è nato così e peraltro con l’assenza di alcune importanti banche, cosa che crea anche malumori.

La Bce la scorsa settimana ha dato il suo consenso alla richiesta di proroga della scadenza per le offerte di business combination per la banca chiesta proprio da Blackrock per avere così più tempo per preparare un’offerta vincolante di acquisto dell’istituto ligure dopo che il fondo Varde si è sfilato del tutto.  Fonti vicine al dossier, come riporta Il Secondo XIX, spiegano che in Carige Blackrock intenderebbe fornire «una sorta di assicurazione sull’aumento di capitale», restando però aperto alla partecipazione di tutti gli azionisti che volessero mantenere la propria posizione integralmente o in parte. L’investimento finale per il fondo dipenderà quindi anche dalla partecipazione degli altri soggetti e non sarebbe già definito quindi.

Intanto ieri è arrivata la relazione dei commissari sulla situazione della banca che al 31 dicembre scorso ha visto crescere la sua crisi di liquidità come rivela l’indicatore Lcr (liquidity coverage ratio) in calo all’87%, sotto il limite del 100% fissato dalla Vigilanza. A pesare la bocciatura dell’aumento di capitale da 400 milioni di euro di Carige, all’origine del commissariamento della banca.