Cambi, euro resta debole contro il dollaro

22 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Prosegue la correzione dell’euro, che si riporta sui minimi dell’ultima settimana nei confronti del biglietto verde, a causa di realizzi e di possibili interventi da parte della Federal Reserve. Il testo di un intervento del Presidente della FED, Ben Bernanke, pubblicato ieri sera, ha segnalato che la banca centrale statunitense potrebbe intervenire in un senso o nell’altro per sostenere una equilibrata ripresa economica. Bernanke, ammettendo che le condizioni economiche restano “insolitamente incerte”, non ha escluso ulteriori politiche a sostegno della crescita. Intanto, il cross euro/dollaro si attesta a 1,276 USD, sui livelli conclusivi di ieri. L’agenda macroeconomica odierna include il dato sul commercio al dettaglio in Regno Unito e gli ordini all’industria in Europa, mentre dagli Stati Uniti arriveranno i dati sulle vendite di case esistenti ed il leading indicator.