BRIC: pensano ad aiutare l’Europa con finanziamenti al Fmi

14 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – I paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) starebbero studiando un modo per contribuire all’aumento dei fondi a disposizione del Fondo monetario internazionale, secondo quanto riporta il Financial Times, citando fonti interne dei paesi.

I negoziati potrebbero risultare in un importante annuncio forte in occasione del G20 (il prossimo mese) che riesca a ripristinare la fiducia dei mercati. Nell’articolo del quotidiano britannico si legge anche che i paesi starebbero studiando un modo per aumentare la partecipazione delle economie in via di sviluppo nel contrastare la crisi del debito dell’Eurozona.

I BRIC starebbero valutando la possibilità di acquistare bond ad hoc per finanziare direttamente l’Fmi o erogare finanziariamenti allo “special purpose vehicle” dell’istituto di Washington. I fondi verrebbero utilizzati per finanziare nuove linee di credito del Fmi e prevenire effetti contagio della crisi in Europa.

Il giornale inglese riporta che una importante carica europea ha accolto in maniera positiva la notizia, perché la crisi che l’Europa sta vivendo è troppo grande per essere risolta soltanto dall’Unione europea.