Brexit, Buffett: “Pronto a comprare nel Regno Unito”

29 Aprile 2019, di Alessandra Caparello

Assist di Warren Buffett alla Gran Bretagna. Nel bel mezzo del piano caos sulla Brexit l’oracolo di Ohama nel corso di un’intervista al Financial Times si dichiara pronto a comprare qualcosa nel Regno Unito già domani.

Noi siamo favorevoli alle opportunità di mettere i soldi in luoghi dove pensiamo di capire il sistema e avere fiducia in esso. Non capiremo mai nessuna cultura, leggi fiscali o costumi come gli Usa ma ci avviciniamo molto in Gran Bretagna.

Il miliardario ha sottolineato la necessità di cercare nuove occasioni. La Berkshire Hathaway, la holding più grande del mondo guidata proprio da Buffett ha ottenuto record di investimenti proprio nel Regno Unito dove vanta partecipazioni nella catena di supermercati Tesco e nella società di fornitura di energia elettrica nel nord di Inghilterra. In passato aveva definito proprio l’investimento in Tesco un “enorme errore” dopo che le azioni della catena di supermercati avevano perso il 60% del loro valore tra il 2008 e il 2015. Uno dei suoi più recenti tentativi di investire in Gran Bretagna è andato male due anni fa quando Kraft Heinz , il gruppo alimentare statunitense in cui Mister Buffett è il maggiore azionista, ha ritrattato l’offerta di 143 miliardi di dollari per acquistare la rivale anglo-olandese Unilever, spaventato dal troppo clamore e dall’ostilità politica del governo britannico.

Oggi invece l’oracolo di Omaha si è detto disposto a investire in Gran Bretagna, indipendentemente dal fatto che il Regno Unito lasci o meno o l’UE. Nel corso dell’intervista Buffett ha fatto riferimento alle sfide per l’UE, che è alle prese con il crescente populismo, con il rallentamento dell’economia e la tensione sul futuro del progetto europeo, sottolineando come sia “molto difficile” per l’UE trovare un equilibrio tra “autonomia e interesse comune”.