Borsa Milano cauta, nessun entusiasmo post Draghi

7 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Borsa Milano chiude in lieve rialzo, senza grandi slanci, dopo la decisione della Bce di lasciare i tassi invariati e la conferenza stampa di Mario Draghi, che ha confermato il prosieguo della politica accomodante, perche’ l’infazione e’ scesa e la ripresa si materializzera’ solo alla fine dell’anno. Ne approfitta l’euro, che si riporta in prossimita’ di quota $1,31. Il Ftse Mib fa registrare un +0,35% a 15.955,54 punti.

I tassi di rifinanziamento sono stati lasciati allo 0,75%, ovvero al minimo storico, per l’ottavo mese consecutivo. Ma lo stesso banchiere fiorentino ha ammesso che la possibilità di un taglio del costo del denario è stata oggi discussa. Anche perchè, nonostante la continua convinzione di una ripresa verso fine 2013, i fondamentali dell’Eurozona non versano affatto in buone condizioni: tanto che la Bce ha tagliato le stime sul Pil, con quelle per il 2013 che parlano ora di un trend negativo tra -0,9% e -0,1%.

Sulle elezioni politiche e il loro impatto sui mercati, Draghi ha affermato che al momento i mercati “appaiono meno impressionati” dalle elezioni in Italia di quanto non lo siano “i politici”. Inoltre, “se guardate agli effetti di contagio” della breve fiammata di tensioni dei mercati seguita alle elezioni in Italia “sugli altri paesi è stata limitata” e “questo è un altro segno positivo”.

Comunità finanziaria nel frattempo sotto choc per la notizia del suicidio dell’ex responsabile della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, David Rossi.

Gli investitori continuano a seguire attentamente l’evoluzione anche tecnica degli indici principali di Wall Street, che ieri ha visto il Dow Jones testare un nuovo record. Durante la seduta, l’indice delle blue chip ha superato anche la soglia dei 14.300 punti per la prima volta nella storia.

Tuttavia, stavolta i nuovi massimi inanellati dall’azionario americano non hanno entusiasmato i mercati globali. Inoltre è innegabile il forte scollamento che esiste tra l’andamento dei mercati e la realtà visto che, a fronte dei massimi dei listini azionari Usa, i redditi delle famiglie americane viaggiano al minimo in un decennio, e anche altri dati, come lo stesso Pil, il debito, l’esercito dei disoccupati, non giustificano affatto un balzo di una tale portata.

Dal fronte macroeconomico reso noto in Italia l’indice dei prezzi alla produzione relativo al mese di gennaio, che ha segnato un calo -0,4% su base mensile, salendo +0,7% su base annua. Focus sul forte calo degli ordini all’industria in Germania, che tornano ad alimentare i dubbi sulla solidità del motore dell’economia europea.

L’azionario asiatico ha visto l’indice di riferimento MSCI Asia Pacific Index scendere -0,4%, interrompendo due sedute consecutive di rialzi. In particolare, a Tokyo, l’indice Nikkei 225 Stock Average ha ridotto i guadagni dopo che la Bank of Japan ha per ora rifiutato l’appello di avviare nell’immediato acquisti di titoli per iniettare nuova liquidità nel sistema.

BTP – Spread Italia Germania a 10 anni torna sotto quota 310 punti base cedendo -3,96% a 308,97 punti base. Tassi BTP decennali -1,42% al 4,58%.

FTSE MIB – MPS ha avviato le contrattazioni sui minimi da agosto dopo la vicenda del suicidio del responsabile della comunicazione, per poi azzerare il calo e balzare di +5,89%. Altri bancari per lo piu’ positivi, in particolare Mediolanum (+4,87%). Tra gli altri titoli positivi, Azimut +2,93%, Atlantia +2,83%, Telecom +3,29%. Buzzi Unicem, Ansaldo Sts, Campari, Autogrill e STM in rosso, tutte schiacciate in fondo al paniere.

ALTRI MERCATI – In ambito valutario, l’euro si rafforza, +0,87% a $1,3078; dollaro/yen +0,45% a JPY 94,48.

Quanto alle commodities, i futures sul petrolio +0,95% a $91,29 al barile, mentre quotazioni oro +0,46% a $1.582,10 l’oncia.

TRA GLI HIGHLIGHT DI GIORNATA

:

Bankitalia: Riserve Ufficiali A Febbraio 133.741 Milioni (-597).

Fao: Nel 2013 Produzione Mondiale Grano +4,3%. Prezzi Alimentari -2,5%.

Borsa: europee positive in attesa riunione Bce, Milano +0,43%.

Borsa: Milano positiva (+0,3%) con Bpm, Eni e Saipem.

Mps, suicida David Rossi: Ho fatto una cavolata.

Borsa:Asia fiacca,Tokyo +0,3%, pesa operazione Samsung-Sharp.

________________________________________

Il mercato è dominato dalle boiling room e sale trading come quella di JPMorgan Chase, dove scommesse fino a un leverage di $200 miliardi e guadagni (o perdite) di 5-6 miliardi sono la norma, nel portafoglio derivati su crediti sintetici. Quindi per vincere sulle lobby bancarie e per non essere continuamente manipolati vi invitiamo – trader, gestori e promotori finanziari della famiglia di WSI – ad essere più sofisticati, piu’ aggressivi, preparati, tecnici, e soprattutto flessibili in un mercato pieno di trappole ma anche di enormi opportunita’. Questo è il vostro spazio per operativita’, commenti flash e strategie di trading. Fatevi sotto.