Tornano di moda i Bond con rating quasi “spazzatura”

1 Aprile 2019, di Livia Liberatore

Tornano di moda le obbligazioni con rating BBB, quelle un gradino sopra la spazzatura, in grado di offrire ritorni da investimenti elevati, del 5,8 per cento in media. Lo riporta Bloomberg in un articolo. Alla fine dello scorso anno queste obbligazioni erano diventate un anatema nel mercato del debito societario. Gli investitori, temendo che stessero per essere colpite da un’ondata di downgrade del rating del credito, le avevano gradualmente abbandonate a novembre e dicembre.

Adesso, con un’improvvisa e sorprendente inversione di tendenza, questi titoli sono diventati una delle fette più popolari del mercato delle obbligazioni societarie e hanno offerto agli investitori guadagni del 5,8 per cento quest’anno.

“Se l’economia sta ancora abbastanza bene da sostenere i profitti, non bisogna preoccuparsi dei downgrade”, ha detto a Bloomberg, tra gli altri, Matt Eagan, portfolio manager di Loomis Sayles & Co. che ha acquistato obbligazioni BBB. “La Fed farà tutto il necessario per sostenere la crescita. Per me, sta dando il via libera”.

Alcuni dei principali emittenti di obbligazioni societarie del mondo, tra cui AT & T Inc. e General Electric  sono classificati di grado BBB e si stanno concentrando sul pagamento del debito. Bloomberg sottolinea che con i rendimenti che sono diminuiti così tanto quest’anno, dato che la Federal Reserve mantiene in sospeso gli aumenti dei tassi, le aziende possono continuare a contrarre prestiti a un costo ragionevole. Per gli investitori, i bond BBB sembrano economici rispetto alle obbligazioni spazzatura più sicure o al livello di rating BB.