Bitcoin sotto i $30.000 dopo i dati sull’inflazione USA

10 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Il prezzo del Bitcoin (BTC) è sceso oggi al di sotto della soglia di $30.000, poiché l’inflazione statunitense ha raggiunto l’8,6% a maggio, dall’8,3% di aprile e al di sopra delle aspettative degli analisti.

“Mentre quasi tutte le componenti principali sono aumentate nel corso del mese, i maggiori contributi sono stati gli indici per i rifugi, le tariffe aeree, le auto e i camion usati e i veicoli nuovi”, afferma l’annuncio del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti .

Contrariamente a quanto previsto, il numero di inflazione di oggi significa che un picco dell’inflazione negli Stati Uniti non è stato raggiunto a marzo, quando l’indice dei prezzi al consumo (CPI) ha toccato l’8,5%.

Nel frattempo, il cosiddetto core-CPI, che esclude i prezzi di cibo ed energia, è arrivato al 6% anno su anno, in calo rispetto al 6,2% del mese prima. Il consenso tra gli analisti era una lettura dell’IPC di base del 5,9%.

Dopo l’annuncio del dato, il Bitcoin è sceso a un minimo di circa $29.500, prima di tagliare alcune delle sue perdite.

Anche le azioni di Wall Street hanno generalmente reagito scambiando al ribasso, con i futures su indici azionari S&P 500 in calo di circa l’1,5% negli 30 minuti dopo il rilascio dei dati.

Bitcoin, preoccupa l’inflazione negli Usa

Commentando il numero di inflazione più alto del previsto, il trader di criptovalute ed economista Alex Krüger lo ha semplicemente definito “orribile”. Altri erano d’accordo, ad esempio con Scott Melker, un altro trader di criptovalute e podcaster, meglio noto come The Wolf of All Streets, dicendo che la Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti “ne uscirà alla grande”.

Citando un anonimo funzionario dell’amministrazione Biden, il Financial Times ha scritto prima del comunicato che è probabile che le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute ai blocchi legati al COVID-19 in Cina, così come la guerra in Ucraina, abbiano mantenuto “una pressione al rialzo sull’inflazione a maggio”.

Commentando anche prima della pubblicazione dei numeri di inflazione di oggi, il capo economista di Moody’s Analytics Mark Zandi ha definito il consenso “un numero molto inquietante”.

“Riaccenderà le preoccupazioni per il picco dell’inflazione”, ha affermato Zandi dalla CNBC, prima di aggiungere che “Penso che abbiamo raggiunto il picco”.

Altri analisti, tuttavia, erano meno sicuri che il picco fosse stato raggiunto, con l’economista senior di Wells Fargo Sarah House che ha affermato nello stesso articolo che non si aspetta che l’inflazione abbia raggiunto il picco poiché vede ancora rialzi per i prezzi del petrolio.

“Abbiamo visto la benzina raggiungere livelli record. E naturalmente ciò che ha impedito al picco di essere alle nostre spalle è ciò che sta uscendo dal settore energetico”, ha affermato House, che si aspettava un CPI principale dell’8,4%.

Dal mondo cripto, Marcus Sotiriou, analista presso il broker di asset digitali GlobalBlock, ha dichiarato in un commento inviato via e-mail che il CPI di oggi avrà un “impatto pesante” sulle decisioni sui tassi di interesse da parte della Fed e che ci si dovrebbe aspettare volatilità.

“È un evento molto atteso che creerà volatilità”, ha affermato Sotiriou.

Il vicepresidente della Fed, Lael Brainard, il 2 giugno ha affermato che la banca centrale potrebbe continuare con aumenti dei tassi di mezzo punto fino a settembre e che considererebbe solo i più tipici incrementi di un quarto di punto dopo aver assistito a una “decelerazione” dell’inflazione mensile.

Nel frattempo, la Cina ha anche pubblicato venerdì i suoi dati sull’inflazione per maggio, con il valore dell’IPC anno su anno che si attesta al 2,1%, ben lontano dagli alti livelli di inflazione che stanno affliggendo le nazioni occidentali.

L’indice di inflazione cinese era leggermente inferiore alle aspettative degli analisti del 2,2% e lascia spazio al governo cinese per “aumentare ulteriormente lo stimolo”.