Bitcoin ed Ethereum al ribasso, pesa l’inflazione USA all’8,5%

12 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

Il prezzo di Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) è salito prima di tornare al ribasso oggi, poiché l’inflazione di marzo è accelerata all’8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, superando leggermente le aspettative degli analisti. Anche il numero è aumentato notevolmente rispetto alla lettura di febbraio del 7,9%.

“L’indice di tutti gli articoli ha continuato ad accelerare, aumentando dell’8,5% per i 12 mesi terminati a marzo, il più grande aumento in 12 mesi dal periodo terminato a dicembre 1981. L’indice di tutti gli articoli senza cibo ed energia è aumentato del 6,5%, la più grande variazione in 12 mesi dal periodo conclusosi nell’agosto 1982”, ha scritto il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti nel suo ultimo rapporto sull’inflazione.

Mentre l’inflazione principale è stata leggermente al di sopra delle aspettative, l’IPC core è stato leggermente inferiore, dato considerato maggiormente dagli analisti. L’aspettativa degli analisti per l’inflazione principale il mese scorso era dell’8,4%, mentre il IPC core era previsto al 6,6%, segnando ancora una volta l’inflazione più alta negli Stati Uniti dall’inizio degli anni ’80.

L’inflazione principale è il numero di inflazione comunemente citato che include tutti i prezzi al consumo, mentre l’IPC core esclude i prezzi di cibo ed energia.

Tasso di inflazione principale negli Stati Uniti negli ultimi 10 anni:

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

 

Il prezzo di BTC ha inizialmente reagito alla lettura dell’inflazione leggermente superiore alle attese spostandosi di circa lo 0,7% in rialzo nei primi 10 minuti dopo il rilascio, mentre ETH ha registrato un picco di circa l’1,5%. Tuttavia, il mercato è poi tornato al ribasso, con BTC che è sceso ancora una volta testando il livello chiave di $40.000.

Bitcoin è sceso dell’1,3% dall’annuncio, scambiando a $39.850. Nel frattempo, Ethereum è sceso dello 0,5% nello stesso periodo a $3.019. Allo stesso tempo, l’indice azionario S&P 500 è salito dello 0,85% per la giornata.

Prima del rilascio del numero di inflazione, il mercato delle criptovalute stava già riducendo le perdite dopo le pesanti vendite di lunedì. Allo stesso modo, anche i future sull’indice azionario S&P 500 negli Stati Uniti sono leggermente aumentati dopo la giornata rossa di ieri.

“Con l’aumento dell’inflazione, gli investitori al dettaglio non hanno abbastanza soldi per investire importi significativi in ​​quelli che considerano asset “rischiosi” come le criptovalute”, ha affermato in una nota inviata via email, Marcus Sotiriou, analista presso il broker di asset digitali GlobalBlock.

Blerina Uruci, economista statunitense presso la società di gestione degli investimenti T.Rowe Price Group Inc, ha affermato che l’inflazione ora ha “un forte slancio su tutta la linea” e che colpisce sia i beni che i servizi.

“Per me questa è una bandiera rossa. L’altra bandiera rossa è l’invasione russa dell’Ucraina e l’ascesa del Covid in Cina. Ciò comporta il rischio che la cosiddetta normalizzazione delle catene di approvvigionamento richieda più tempo per concretizzarsi”, ha affermato Uruci.

Nel frattempo, altri analisti affermano di ritenere che la lettura dell’inflazione elevata a marzo rappresenti un picco per l’attuale ciclo di inflazione elevata.

Analisi tecnica Bitcoin – BTC/USD 12 Aprile 2022

Grafico 4 ore BTC/USD - Tradingview

Il livello psicologico $40.000 è il principale ago della bilancia, se il supporto dovesse reggere potremmo vedere una reazione rialzista nel breve periodo fino in zona $42.500 – $43.000. Se resistenza non dovesse presentare pressione sell, il prossimo target rialzista è $45.000. 

Dal lato opposto, osservando uno scenario ribassista, se il prezzo dovesse chiudere sotto il livello chiave a $40.000, una discesa fino alla zona a $35.000 sarebbe uno scenario da considerare.