Bankitalia: “Italia fuori dalla recessione nel 2019”

19 Aprile 2019, di Mariangela Tessa

Come segnalato dalla produzione industriale, che a gennaio e febbraio è tornata a crescere dopo quattro mesi di cali consecutivi, il 2019 è partito sotto la buona stella per l’economia italiana. Un’ulteriore conferma arriva da Banca d’Italia, secondo l’attività economica che è tornata a crescere a inizio 2019 sancendo l’uscita dell’Italia dalla terza recessione in circa dieci anni.

Nel dettaglio, gli economisti di palazzo Koch secondo cui il Pil italiano dovrebbe essere aumentato dello 0,1% nel periodo compreso tra gennaio e marzo dopo la contrazione registrata sia nel terzo che nel quarto trimestre del 2018.

Anche la produzione industriale è vista in crescita sia nel primo trimestre che nel mese di marzo, spiega Via Nazionale nel bollettino economico.

Pil, obiettivo di crescita del governo dello 0,2%

Non cambia il quadro complessivo dipinto per l’intero anno. L’esecutivo ha fissato un obiettivo di crescita a +0,2% nel 2019 a fronte del +1% indicato a dicembre.

“Gli analisti censiti da Consensus Economics, che in dicembre prefiguravano per quest’anno un aumento del Pil dello 0,7%, nell’ultima rilevazione indicano una crescita compresa tra il -0,1 e lo 0,2”, si legge nel Bollettino.

Buone notizie anche sul fronte del lavoro. Nei primi due mesi del 2019 l’andamento dell’occupazione si è stabilizzato dopo il modesto calo registrato nel trimestre autunnale, rileva Bankitalia. Nel complesso nel 2018 sono aumentati sia l’occupazione complessiva, sia i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, mentre le retribuzioni contrattuali hanno continuato a crescere.

Per quanto riguarda i prezzi, nel primo trimestre 2019 l’inflazione è scesa, frenata dal rallentamento dei prezzi dei beni energetici e dalla debolezza dell’economia: in marzo si collocava all’1,1% mentre le attese di inflazione rilevate da Consensus Economics si sono portate in aprile allo 0,9%.