Banche italiane piccole e medie: 12 commissariate

28 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Banche italiane di piccole e medie dimensioni in pericolo, a causa della crisi. L’ultima a cadere sotto la scure del commissariamento della Banca d’Italia è stata Banca Marche. Ben 8 istituti sono stati commissariati dagli inizi del 2013.

Bankitalia che lancia l’avvertimento: nei piccoli istituti di credito la rischiosità dei crediti sta crescendo a ritmi più intensi rispetto alle altre banche.

In tutto, sono 12 le banche piccole e medie che sono state commissariate: la loro autonomia e lo stretto legame con il territorio non solo non hanno pagato, ma si sono trasformare in un boomerang.

Ma quali sono queste 12 banche? L’elenco (in allegato), comprende:

1 – Istituto per il Credito Sportivo

2- Banca Tercas- Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo

3 – BBC di Monastier e del Sile

4 – BBC “San Francesco”

5 – Banca Popolare di Spoleto

6 – BCC del Veneziano

7 – Banca dei Due Mari di Calabria Credito Coooperativo

8 – BCC Euganea di Ospedaletto Euganeo

9- Banca Banca Credito Cooperativo di Bene Vagienna

10 – Cassa di Risparmio di Ferrara

11- BCC di Alberobello e Sanmichele di Bari

12 – Banca delle Marche

Su Banca Marche, il ministero dell’Economia ha deciso con un decreto su proposta della Banca d’Italia, “lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e controllo di Banca delle Marche e la sua sottoposizione alla procedura di amministrazione straordinaria”.

Sono stati nominati come commissari straordinari Federico Terrinoni e Giuseppe Feliziani e, come componenti del comitato di sorveglianza, Giuseppe Guizzi, Giovanni Ossola e Massimo Spisni. Gli organi straordinari si sono già insediati. Il provvedimento, aggiunge l’istituto di credito, “è stato assunto in continuità con la gestione provvisoria della banca, disposta con provvedimento della Banca d’Italia del 27 agosto per un massimo di due mesi”.

Occhio alle ultime disposizioni sull’Asset Quality Review arrivate dalla Bce, con Draghi che ha fatto tremare le banche europee parlando della necessità di far fallire quelle che devono fallire.

LEGGI ANCHE

Altro che Bce, è Ior a correre in soccorso dell’Italia.

BTP in pancia a banche italiane al record di sempre,

Draghi: Italia, benefici da euro più di tutti.

L’incubo di Mario Draghi è realtà.

Draghi: prevenuti rischi di scenari distruttivi.

Bce, Draghi: “Molto, molto cauto su ripresa”.

Draghi confuso: ora si rimangia l’ottimismo.

Draghi: tassi resteranno ai minimi a lungo.

Un anno fa il deterrente nucleare di Draghi.