Banca centrale russa, intervento record per frenare crollo rublo

5 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – La Banca centrale russa ha venduto lunedì valute straniere per una cifra equivalente a 11,3 miliardi di dollari, un record, per sostenere il rublo, sottoposto a fortissime pressioni al ribasso a seguito del conflitto ucraino.
Lo rivelano le cifre pubblicate oggi dall’istituto centrale.

Lunedì è stata una giornata nera per il rublo, sceso sotto quota 50 per euro e ai minimi dal 2008 per dollaro, sull’onda della notizia che sabato Vladimir Putin aveva ottenuto il via libera del parlamento russo a un intervento armato in Ucraina.

Ieri con l’allentarsi delle tensioni sull’Ucraina la valuta russa ha messo a segno un netto recupero, insieme alla borsa di Mosca. (TMNEWS)