Azionario, Gestore: “niente panico, di fronte due anni in crescita”

13 Maggio 2019, di Mariangela Tessa

La correzione dei mercati prevista per il mese di maggio non deve creare panico, anzi. Anche se dovesse prolungarsi fino all’estate, Jack Ablin, amministratore delegato di Cresset Capital, dice che intende abbracciarla. E questo perché, secondo l’esperto americano, i fondamentali del mercato e dell’economia sono solidi e un accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti non è essenziale per mantenere in vita il mercato toro.

Tra i fattori che fanno ben sperare, Ablin cita la liquidità, ovvero la capacità e il desiderio di prendere a prestito soldi, visto come fattore che potrebbe dare ai mercato un’ulteriore spinta verso nuovi record.

“Finché i creditori continuano a voler estendere i prestiti non vedo ragioni per cui dovremmo uscire da mercato anche con una correzione del 10%”, ha spiegato Ablin alla CNBC.

Lo scorso febbraio, Ablin, che gestisce $ 4,2 miliardi di asset, ha previsto un anno incerto per l’azionario. E questo per via delle tensioni commerciali. Nonostante questo, il gestore non ha mai avuto dubbi sul fatto che alla fine gli investitori potranno, anche in un contesto di tensioni, generare solidi profitti.

Secondo Ablin, l’S & P 500 dovrebbe chiudere l’anno in aumento dell’8% rispetto ai livelli attuali. E crede che il prossimo anno sarà un altro anno vincente per gli investitori.

In un’atmosfera incerta, Ablin suggerisce di puntare sulle  “small cap, che andranno meglio delle large cap. E  i mercati emergenti che, certo, faranno probabilmente meglio se Stati Uniti e la Cina raggiungono un accordo, ma in ogni caso godono di una crescita economica continua su una base ragionevole “.